Passare direttamente al contenuto
Your browser is out of date. It has known security flaws and may not display all features of this websites. Learn how to update your browser[Chiudi]

Crittografia


L’uomo che vuole proteggere le nostre mail




Nell’era dei programmi di sorveglianza di massa, Andy Yen è convinto di aver trovato la soluzione infallibile per mantenere i messaggi di posta elettronica al sicuro dagli occhi indiscreti di governi ed hacker. swissinfo.ch lo ha incontrato. 

L’idea gli è venuta nel 2013, quando Edward Snowden ha portato alla luce il programma di sorveglianza di massa che ha permesso ai servizi segreti americani di intercettare le comunicazioni di migliaia di cittadini.

Andy Yen, esperto in fisica delle particelle al CERN, si è ritrovato con alcuni colleghi del centro di ricerca nucleare di Ginevra e insieme hanno iniziato a riflettere su un modo per proteggere la posta elettronica.

Oggi ci spiega l’idea dietro al loro progetto, la ProtonMail, le cui attività si svolgono in Svizzera.  

La loro soluzione per proteggere la privacy è quella di utilizzare la crittografia end-to-end. 

Rispetto alla crittografia più comune che utilizza i server, quella end-to-end garantisce che soltanto il mittente e il destinatario potranno leggere il messaggio. Ciò è possibile perché i dati vengono crittografati con chiavi separate e non vengono salvati su un server, ma sul dispositivo del cliente.

La ProtonMail ha cercato di semplificare la tecnologia end-to-end per renderla accessibile a un ampio pubblico. Alcuni ritengono tuttavia che dare ad esempio la possibilità agli utenti di accedere direttamente al loro account dal browser di qualsiasi computer renda di fatto il sistema più fragile e meno sicuro. Potenzialmente i dati degli utenti potrebbero così essere violati.

La ProtonMail non è l’unica società in Svizzera attiva in questo campo. La Silent Circle, un’altra start-up, ha infatti lanciato il Blackphone 2 che promette telefonate e messaggi criptati.

Contattate l’autore via twitter:  @carlopisani

L'ipotesi che governi o hacker possano avere accesso alle vostre email vi preoccupa? Avete cercato soluzioni per proteggerle? Dite la vostra! 



(Traduzione dall'inglese, Stefania Summermatter)

Diritto d'autore

Tutti i diritti sono riservati. Il contenuto del sito web presso swissinfo.ch è protetto da diritto d’autore. Esso è destinato esclusivamente a uso privato. Qualunque utilizzo dei contenuti del sito web diverso da quello previsto in precedenza, in particolare la distribuzione, la modifica, la trasmissione, la conservazione e la copia richiede la previa autorizzazione scritta di swissinfo.ch. Per informazioni relative a tale utilizzo dei contenuti del sito web, si prega di contattarci all’indirizzo contact@swissinfo.ch.

Per quanto riguarda l'uso a fini privati, è consentito solo utilizzare un collegamento ipertestuale a un contenuto specifico e di aggiungerlo al proprio sito web o a un sito web di terzi. Il contenuto del sito web swissinfo.ch può essere incorporato solo in un ambiente privo di annunci pubblicitari e senza alcuna modifica. In particolare, è concessa una licenza di base non esclusiva e non trasferibile, limitata a un solo scaricamento e salvataggio dei dati scaricati su dispositivi privati e valida per tutto il software, le cartelle, i dati e il loro contenuto forniti per lo scaricamento dal sito swissinfo.ch. Tutti gli altri diritti restano di proprietà di swissinfo.ch. In particolare, è vietata la vendita o l'uso commerciale di questi dati.

×