Passare direttamente al contenuto
Your browser is out of date. It has known security flaws and may not display all features of this websites. Learn how to update your browser[Chiudi]

Diplomazia


La Svizzera non ha negoziato con l’OLP


 Altre lingue: 3  Lingue: 3
Le ricerche nei boschi di Würenlingen, dove nel 1970 si era schiantato un aereo di Swissair in seguito a un attentato. (Keystone)

Le ricerche nei boschi di Würenlingen, dove nel 1970 si era schiantato un aereo di Swissair in seguito a un attentato.

(Keystone)

Non vi è alcun indizio di un accordo segreto siglato nel 1970 tra il governo svizzero e l’Organizzazione per la liberazione della Palestina (OLP), per proteggere il paese da attacchi terroristici.  È quanto emerge dalle ricerche del gruppo di lavoro interdipartimentale “1970”, di cui ha preso atto mercoledì il Consiglio federale.

A inizio anno, il giornalista della NZZ Marcel Gyr aveva destato scalpore con il suo libro “Gli anni del terrore in Svizzera”, nel quale parla di un accordo segreto stipulato tra l’ex ministro degli esteri elvetico Pierre Graber e l’OLP, durante il dirottamento di un aereo Swissair e di altri due velivoli nel deserto giordano. Obiettivo: preservare la Svizzera dagli attentati di matrice palestinese.

Dopo la pubblicazione del libro, il Consiglio federale aveva chiesto la creazione di un gruppo di lavoro per far luce sui fatti. Dal rapporto emerge che non è stato trovato alcun indizio di questo accordo e nemmeno dei tentativi di ostacolare le inchieste e i procedimenti sul dramma di Würenlingen del 1970, quando a bordo di un aereo della Swissair era scoppiata una bomba, facendo 47 morti.


Prima ancora della pubblicazione del rapporto, diversi storici ed ex alti funzionari della Confederazione avevano messo in dubbio l'esistenza dell'intesa con l'OLP.

Il governo svizzero ha trasmesso il rapporto del gruppo di lavoro alle Commissioni di gestione delle due Camere del Parlamento e ne ha autorizzato la pubblicazione integrale. 


swissinfo.ch e agenzie

Diritto d'autore

Tutti i diritti sono riservati. Il contenuto del sito web presso swissinfo.ch è protetto da diritto d’autore. Esso è destinato esclusivamente a uso privato. Qualunque utilizzo dei contenuti del sito web diverso da quello previsto in precedenza, in particolare la distribuzione, la modifica, la trasmissione, la conservazione e la copia richiede la previa autorizzazione scritta di swissinfo.ch. Per informazioni relative a tale utilizzo dei contenuti del sito web, si prega di contattarci all’indirizzo contact@swissinfo.ch.

Per quanto riguarda l'uso a fini privati, è consentito solo utilizzare un collegamento ipertestuale a un contenuto specifico e di aggiungerlo al proprio sito web o a un sito web di terzi. Il contenuto del sito web swissinfo.ch può essere incorporato solo in un ambiente privo di annunci pubblicitari e senza alcuna modifica. In particolare, è concessa una licenza di base non esclusiva e non trasferibile, limitata a un solo scaricamento e salvataggio dei dati scaricati su dispositivi privati e valida per tutto il software, le cartelle, i dati e il loro contenuto forniti per lo scaricamento dal sito swissinfo.ch. Tutti gli altri diritti restano di proprietà di swissinfo.ch. In particolare, è vietata la vendita o l'uso commerciale di questi dati.

×