Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Favoreggiamento all'entrata illegale Si aggravano le accuse contro la deputata ticinese Lisa Bosia Mirra

(2)

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Emergono nuovi dettagli nell’inchiesta che vede coinvolta la parlamentare ticinese Lisa Bosia Mirra, fermata il 1° settembre al confine italo-svizzero mentre tentava di far entrare illegalmente quattro migranti minorenni. Stando a quanto dichiarato nel verbale, la socialista avrebbe funto da staffetta in sei occasioni, rivela la Radiotelevisione svizzera (RSI). 

Fondatrice dell’ONG “Firdaus”, Lisa Bosia Mirra era stata fermata il 1° settembre alla dogana di San Pietro di Stabio, mentre era alla guida di un’automobile con targhe ticinesi che fungeva da apripista. Dietro, un furgone con a bordo quattro migranti africani minorenni, guidato da un 53enne domiciliato nel canton Berna.

Accusata di favoreggiamento all’entrata illegale, Lisa Bosia Mirra avrebbe dichiarato nel verbale di aver partecipato a sei “viaggi” di questo tipo, sempre come staffetta e senza mai sapere il numero esatto di profughi a bordo dell’altro veicolo. La deputata è inoltre sospettata di aver fornito ai profughi informazioni penalmente rilevanti.  

swissinfo.ch e RSI (TG del 13.10.2016)

×