Passare direttamente al contenuto
Your browser is out of date. It has known security flaws and may not display all features of this websites. Learn how to update your browser[Chiudi]

Precedenza alla manodopera indigena


Immigrazione: una soluzione che soddisfa, quasi, tutti


Per attuare l’iniziativa sul freno all’immigrazione, la Commissione delle istituzioni politiche del Consiglio nazionale propone una soluzione che non fissa quote o contingenti, ma che permette di adottare misure correttive non appena l'immigrazione oltrepassa un certo livello su scala regionale o nazionale. Solo l’Unione democratica di centro (UDC) si oppone. 

La proposta, accolta con 16 voti contro 9, si articola in tre punti: prevede prima di tutto che il Consiglio federale elabori delle misure per sfruttare al meglio il potenziale di manodopera indigena (cittadini svizzeri e stranieri già domiciliati nel paese). Il governo dovrà anche determinare delle soglie a partire dalle quali potrà essere introdotto un obbligo di comunicazione dei posti di lavoro vacanti. Il testo - pur invitando a dare la precedenza al personale indigeno - non fissa un obbligo vincolante di assunzione. 

Se queste misure non si rivelassero sufficienti, il governo potrà infine ricorrere a misure correttive appropriate. Sarà il Consiglio federale stesso a decidere a partire da quale limite adottarle, per quanto tempo mantenerle in vigore, di che tipo esse dovranno essere e a che categorie professionali dovranno venire applicate. A differenza di quanto sollecitato dall'UDC, la proposta della commissione non contempla la possibilità unilaterale per la Svizzera di ricorrere all'introduzione di contingenti o di tetti massimi. 

La proposta della Commissione incontra il favore di tutti i partiti, ad eccezione dell'UDC, che ha già annunciato di essere pronta a dare battaglia per imporre una soluzione più vicina al testo della sua iniziativa “Contro l’immigrazione di massa”, approvato il 9 febbraio 2014 dal popolo svizzero e inserito da allora nella Costituzione federale.

swissinfo.ch e RSI (TG del 3.9.16)

Diritto d'autore

Tutti i diritti sono riservati. Il contenuto del sito web presso swissinfo.ch è protetto da diritto d’autore. Esso è destinato esclusivamente a uso privato. Qualunque utilizzo dei contenuti del sito web diverso da quello previsto in precedenza, in particolare la distribuzione, la modifica, la trasmissione, la conservazione e la copia richiede la previa autorizzazione scritta di swissinfo.ch. Per informazioni relative a tale utilizzo dei contenuti del sito web, si prega di contattarci all’indirizzo contact@swissinfo.ch.

Per quanto riguarda l'uso a fini privati, è consentito solo utilizzare un collegamento ipertestuale a un contenuto specifico e di aggiungerlo al proprio sito web o a un sito web di terzi. Il contenuto del sito web swissinfo.ch può essere incorporato solo in un ambiente privo di annunci pubblicitari e senza alcuna modifica. In particolare, è concessa una licenza di base non esclusiva e non trasferibile, limitata a un solo scaricamento e salvataggio dei dati scaricati su dispositivi privati e valida per tutto il software, le cartelle, i dati e il loro contenuto forniti per lo scaricamento dal sito swissinfo.ch. Tutti gli altri diritti restano di proprietà di swissinfo.ch. In particolare, è vietata la vendita o l'uso commerciale di questi dati.

×