Passare direttamente al contenuto
Your browser is out of date. It has known security flaws and may not display all features of this websites. Learn how to update your browser[Chiudi]

Servizi segreti


La Svizzera non sfugge alla minaccia jihadista


Malgrado la Svizzera «non sia stata designata tra gli obiettivi principali dei gruppi jihadisti», in quanto paese europeo è anch’essa toccata dalla minaccia terroristica, il pericolo numero uno per la sicurezza del paese. È quanto emerge dall'ultimo rapporto dei servizi segreti elvetici. A preoccupare è anche la crisi in Ucraina e l’instabilità crescente nel Nord Africa e in Medio Oriente. 

I «viaggiatori jihadisti», così come i «singoli individui e gruppuscoli radicalizzati» rappresentano attualmente «la minaccia terroristica principale per il nostro continente», ha dichiarato lunedì davanti alla stampa Markus Seiler, a capo del Servizio delle attività informative della Confederazione (SIC).

Gli agenti dei segreti elvetici continuano a monitorare siti internet, social media e forum, sulle tracce di possibili jihadisti residenti in Svizzera. Secondo il SIC, sarebbero una sessantina le persone partite per combattere nella Jihad, di cui una quarantina in Siria. «Non sappiamo però quanti siano i dormienti», ha detto Seiler.

Oltre alla minaccia terroristica, il SIC si è detto particolarmente preoccupato dalla situazione in Ucraina, teatro di «una guerra destinata a modificare durevolmente il panorama europeo a livello di politica di sicurezza». 

tvsvizzera.it e swissinfo.ch

Diritto d'autore

Tutti i diritti sono riservati. Il contenuto del sito web presso swissinfo.ch è protetto da diritto d’autore. Esso è destinato esclusivamente a uso privato. Qualunque utilizzo dei contenuti del sito web diverso da quello previsto in precedenza, in particolare la distribuzione, la modifica, la trasmissione, la conservazione e la copia richiede la previa autorizzazione scritta di swissinfo.ch. Per informazioni relative a tale utilizzo dei contenuti del sito web, si prega di contattarci all’indirizzo contact@swissinfo.ch.

Per quanto riguarda l'uso a fini privati, è consentito solo utilizzare un collegamento ipertestuale a un contenuto specifico e di aggiungerlo al proprio sito web o a un sito web di terzi. Il contenuto del sito web swissinfo.ch può essere incorporato solo in un ambiente privo di annunci pubblicitari e senza alcuna modifica. In particolare, è concessa una licenza di base non esclusiva e non trasferibile, limitata a un solo scaricamento e salvataggio dei dati scaricati su dispositivi privati e valida per tutto il software, le cartelle, i dati e il loro contenuto forniti per lo scaricamento dal sito swissinfo.ch. Tutti gli altri diritti restano di proprietà di swissinfo.ch. In particolare, è vietata la vendita o l'uso commerciale di questi dati.

×