Passare direttamente al contenuto
Your browser is out of date. It has known security flaws and may not display all features of this websites. Learn how to update your browser[Chiudi]

Sindrome respiratoria mediorientale


MERS, scoperta una cura in Svizzera


L’Istituto di Ricerca in Biomedicina di Bellinzona ha isolato un anticorpo umano in grado di bloccare il virus responsabile della MERS. Dal 2012, la sindrome respiratoria mediorientale ha colpito 1'300 persone nel mondo causando circa 500 decessi.

La scoperta è stata annunciata sulla rivista dell'Accademia americana delle scienze (Pnas) dal gruppo di ricerca dell'immunologo italiano Antonio Lanzavecchia, direttore dell'Istituto di Ricerca in Biomedicina di Bellinzona.

Il super anticorpo contro la MERS, battezzato con la sigla LCA60, è stato individuato nel sangue di un paziente infettato dal virus. Nei primi test di laboratorio si è dimostrato efficace nel neutralizzare diversi ceppi del coronavirus responsabile della sindrome respiratoria. Il meccanismo molecolare è stato studiato grazie a tecniche di ingegneria genetica e a una serie di simulazioni virtuali.

Partendo da questa osservazione, i ricercatori stanno già elaborando diverse strategie per neutralizzare il coronavirus. I primi risultati positivi sono stati ottenuti sui topi con l'iniezione dell'anticorpo LCA60 sia prima che dopo l'infezione. Questi dati, spiegano i ricercatori, indicano una nuova strada per velocizzare lo sviluppo di nuove terapie: ad oggi, infatti, non esistono né cure antivirali né vaccini specifici per la MERS.

swissinfo.ch e tvsvizzera.it (Telegiornale del 28.07.2015)

Diritto d'autore

Tutti i diritti sono riservati. Il contenuto del sito web presso swissinfo.ch è protetto da diritto d’autore. Esso è destinato esclusivamente a uso privato. Qualunque utilizzo dei contenuti del sito web diverso da quello previsto in precedenza, in particolare la distribuzione, la modifica, la trasmissione, la conservazione e la copia richiede la previa autorizzazione scritta di swissinfo.ch. Per informazioni relative a tale utilizzo dei contenuti del sito web, si prega di contattarci all’indirizzo contact@swissinfo.ch.

Per quanto riguarda l'uso a fini privati, è consentito solo utilizzare un collegamento ipertestuale a un contenuto specifico e di aggiungerlo al proprio sito web o a un sito web di terzi. Il contenuto del sito web swissinfo.ch può essere incorporato solo in un ambiente privo di annunci pubblicitari e senza alcuna modifica. In particolare, è concessa una licenza di base non esclusiva e non trasferibile, limitata a un solo scaricamento e salvataggio dei dati scaricati su dispositivi privati e valida per tutto il software, le cartelle, i dati e il loro contenuto forniti per lo scaricamento dal sito swissinfo.ch. Tutti gli altri diritti restano di proprietà di swissinfo.ch. In particolare, è vietata la vendita o l'uso commerciale di questi dati.

×