Your browser is out of date. It has known security flaws and may not display all features of this websites. Learn how to update your browser[Chiudi]

Prima guerra mondiale


Quando un villaggio alpino apriva le sue porte ai prigionieri di guerra


Di Julie Hunt , Château-d'Oex


Codice da incorporare

Un secolo fa il comune di Château-d’Oex, nelle Alpi vodesi, ha simboleggiato la politica svizzera d’accoglienza dei prigionieri di guerra. swissinfo.ch è tornata sul posto e ha incontrato i discendenti di questi internati. (Julie Hunt, swissinfo.ch)

Sulla base degli accordi conclusi coi paesi belligeranti, che hanno pagato i costi, 68'000 prigionieri malati o feriti, britannici, francesi, tedeschi, belgi, canadesi e indiani, sono stati internati per diversi mesi nei sanatori e negli alberghi svizzeri.

Questi luoghi si trovavano nelle stazioni turistiche delle Alpi. Una boccata d’ossigeno per un settore completamente inattivo durante la guerra. È pure in questo contesto che si è fortemente sviluppato il Comitato internazionale della Croce Rossa.

Uno dei principali centri di internamento dei britannici si trovava a Château-d’Oex, nelle Alpi vodesi. Nel maggio 1916, 700 prigionieri di guerra britannici malati e feriti sono arrivati qui.

La stazione turistica ha celebrato il centenario di questo avvenimento con dei discendenti degli internati. swissinfo.ch li ha incontrati.