Passare direttamente al contenuto
Your browser is out of date. It has known security flaws and may not display all features of this websites. Learn how to update your browser[Chiudi]

Punto di vista


Prima "bacchettano" l'Italia, poi scoprono l'emergenza profughi


Di Aldo Sofia


L’Unione europea si fa dettare l’agenda dalle tragedie della migrazione, invece di prevederle e prevenirle attraverso un progetto comune, afferma Aldo Sofia. Il giornalista e commentatore ticinese, ex corrispondente della RSI, non ha dubbi: l’accordo di Dublino è ormai superato e va rivisto, anche perché esercita una pressione insostenibile su paesi come l’Italia e la Grecia. 

Di Aldo Sofia

A lungo hanno fatto orecchi da mercante, negando in pratica che la questione migranti sulla frontiera sud dell'Unione fosse un problema generale dell'UE. Poi hanno accettato di sostituire Mare Nostrum con la missione Frontex, come dire il minimo sindacale. In seguito hanno tentato di assegnare quote di migranti agli Stati membri, ed è stato uno spettacolo deprimente di divisioni e rifiuti. Infine hanno bacchettato l'Italia per la mancata registrazione dei migranti. Ma di fronte all'ondata biblica, e disperata, dei migranti in fuga (via mare, o lungo la traiettoria dei Balcani, dalla Grecia alla Macedonia alla Serbia, e su fino al centro del continente) anche Germania e Francia hanno improvvisamente e finalmente "scoperto" che si tratta di un' emergenza europea. "Più grave della crisi greca, più grave di quella dell'euro", ha ammesso Angela Merkel.

Certo, più delle invocazioni di Renzi soprattutto durante il semestre di presidenza italiana dell'UE, sono stati i numeri di un'esodo senza fine a provocare il "ravvedimento" della coppia franco-tedesca; e anche a far capire a quella che si considera l'Europa virtuosa che, pur criticabile per certi aspetti, l'Italia (e ora anche la Grecia) poteva difficilmente reggere l'onda d'urto dei fuggitivi. Non è dunque solo a causa della disorganizzazione se dei 170.000 che sono sbarcati sulle coste italiane nel 2014, più della metà sono letteralmente "scomparsi", liberi di fuggire verso il nord del continente, decisi a raggiungere famigliari o conoscenti già in Europa.

Piaccia o no, ormai ll Regolamento di Dublino (i 'migranti' devono essere registrati e rimanere nel Paese di primo acceso per evitare che più Stati si ritrovino a trattare la stessa richiesta d'asilo) è ampiamente superato dai fatti: si rivela incapace di regolare il flusso, e non garantisce dignità ai rifugiati. Ma, soprattutto, esercita una pressione insostenibile ai Paesi europei di "prima linea". E anche a quelli di "secondo approdo", come dimostrano l'inutile muro di filo spinato alzato dall'Ungheria, o i blindati schierati sul confine dalla Bulgaria, e ancora i timori di una Slovacchia che dice di voler accettare solo asilanti di religione cristiana.

L'Europa si fa dettare l'agenda dalle tragedie della migrazione, invece di prevederle e prevenirle attraverso un progetto comune

Così, la Germania di Angela Merkel, che con la Svezia detiene il primato di asilanti, e che si aspetta di dover affrontare 800.000 nuovi arrivi per il 2015, ha deciso di ricorrere alla "clausola di sovranità", accettando per spirito umanitario l'entrata dei rifugiati siriani, il gruppo più numeroso fra quello che decidono di affrontare il "viaggio della speranza".

Un vistoso , e meritevole, strappo agli accordi di Dublino. Di cui voci sempre più numerose chiedono con urgenza una revisione urgente, considerati tutti i limiti che li rendono disfunzionali, disumani e comunque già superati dagli eventi. Ennesimo esempio di un'Europa che si fa dettare l'agenda dagli avvenimenti e dalle tragedie, invece di prevederle e prevenirle attraverso un progetto comune.

(Le opinioni espresse in questo articolo sono quelle dell'autore e non riflettono necessariamente la posizione di swissinfo.ch)


tvsvizzera.it

Diritto d'autore

Tutti i diritti sono riservati. Il contenuto del sito web presso swissinfo.ch è protetto da diritto d’autore. Esso è destinato esclusivamente a uso privato. Qualunque utilizzo dei contenuti del sito web diverso da quello previsto in precedenza, in particolare la distribuzione, la modifica, la trasmissione, la conservazione e la copia richiede la previa autorizzazione scritta di swissinfo.ch. Per informazioni relative a tale utilizzo dei contenuti del sito web, si prega di contattarci all’indirizzo contact@swissinfo.ch.

Per quanto riguarda l'uso a fini privati, è consentito solo utilizzare un collegamento ipertestuale a un contenuto specifico e di aggiungerlo al proprio sito web o a un sito web di terzi. Il contenuto del sito web swissinfo.ch può essere incorporato solo in un ambiente privo di annunci pubblicitari e senza alcuna modifica. In particolare, è concessa una licenza di base non esclusiva e non trasferibile, limitata a un solo scaricamento e salvataggio dei dati scaricati su dispositivi privati e valida per tutto il software, le cartelle, i dati e il loro contenuto forniti per lo scaricamento dal sito swissinfo.ch. Tutti gli altri diritti restano di proprietà di swissinfo.ch. In particolare, è vietata la vendita o l'uso commerciale di questi dati.

×