Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Qualificazioni mondiali Italia sotto choc per l’eliminazione degli azzurri

(1)

Disfatta azzurra

Il giorno dopo la clamorosa sconfitta rimediata dagli azzurri ad opera della Svezia l’intero paese è sotto choc. Era da 60 anni che la nazionale italiana non mancava l’appuntamento con i mondiali di calcio che il prossimo anno si svolgeranno in Russia, senza i quattro volte campioni della competizione iridata.

Il pareggio di San Siro, maturato al termine di una serie di azioni d’attacco confuse e velleitarie, ha decretato l’uscita di scena nel doppio confronto con i gialli svedesi, vittoriosi di misura venerdì a Solna.

E coincide verosimilmente con il periodo più buio della storia del calcio italiano. Già in Sudafrica nel 2010 sotto la guida di Lippi e nel 2014 in Brasile con Prandelli gli azzurri non avevano superato il primo turno della competizione mondiale, come non accadeva da decenni (Germania 1978).

Il prossimo anno se ne staranno a casa, come nel 1958 quando la nazionale, zeppa di oriundi del calibro di Schiaffino, Ghiggia, Montuori e da Costa, fu eliminata a Belfast dalla modesta ma coriacea Irlanda del Nord. Ma erano altri tempi, persistevano probabilmente ancora gli effetti del vuoto lasciato dalla scomparsa sulla collina di Superga del Grande Torino. 

Oggi è tutt'altra storia e la stampa chiede a gran voce una completa rifondazione del movimento che da troppi anni fatica ad emulare gli antichi fasti. Gli stessi vertici del CONI pretendono le dimissioni dei responsabili tecnici e “politici” ma dalla federazione, che sembra voler resistere all’assedio, per il momento non filtrano dichiarazioni e decisioni di sorta. Circostanza che non sembra far ben sperare per il futuro.

tvsvizzera/spal con RSI (TG del 14.11.2017)

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.