Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Rapporto Amnesty International 2017/18 Svizzera esortata a meglio proteggere donne e bambini migranti

Genitori incarcerati, bambini collocati da soli in istituti di accoglienza per l'infanzia, legami familiari ignorati. L'attuale rapporto di Amnesty International bacchetta la Svizzera per casi di rinvii disumani di migranti.

Tre donne in cammino con tre bambini su una strada sterrata.

Sulle vie dell'esilio, donne e bambini sono particolarmente vulnerabili.

(www.amnesty.org)

Le autorità svizzere l'anno scorso hanno respinto diversi richiedenti l'asilo indipendentemente dai loro legami familiari nel paese, denuncia Amnesty International (AI). L'organizzazione non governativa per la tutela dei diritti umani traccia l'immagine di una Svizzera che applica rigidamente la Convenzione di Dublino. Questa prevede che le domande d'asilo siano esaminate nel primo paese di sbarco o di arrivo.

+ La Svizzera applica troppo rigorosamente gli accordi di Dublino? Link esterno

Il rapporto annuale di AI rievoca in particolare il caso di una famiglia afghana, separata e incarcerata, prima di essere rinviata in Norvegia. Nel maggio 2017, il Tribunale federale (TF) aveva condannato il cantone di Zugo per la detenzione e la separazione dei bambini, definendole "illegali" e "sproporzionate".

Denise Graf, avvocata e coordinatrice della divisione Asilo della sezione svizzera di AI, invita la Svizzera a tenere maggiormente conto delle necessità delle donne e dei bambini nell'ambito della migrazione e dell'asilo.

swissinfo.ch: La detenzione e la separazione di questa famiglia afghana rappresenta un caso isolato?

Denise Graf: No, ci sono numerosi casi simili. Quello della famiglia afghana, lo abbiamo scoperto insieme al caso di un richiedente l'asilo imprigionato fino al suo rinvio, mentre suo figlio è stato collocato in un istituto di accoglienza, da solo.

Prima di Natale, una giovane eritrea, incinta di otto mesi e accompagnata dal figlioletto di un anno, è stata rinviata in Italia per la terza volta. Eppure, il padre del piccolo ha lo statuto di rifugiato in Svizzera. Per un anno ha cercato di riconoscere i figli, ma le autorità gli hanno detto in continuazione che ciò non era possibile, in violazione della legge. La coppia era separata, ma quest' uomo ha un forte legame con i figli. Questo caso è ancor più scioccante per il fatto che la sorella della giovane che è arrivata con lei, nello stesso tempo, per lo stesso percorso, è stata ammessa provvisoriamente. La Svizzera deve tenere conto dei legami familiari.

swissinfo.ch: La sentenza del Tribunale federale riguardo alla famiglia afghana obbliga ora i Cantoni a trovare soluzioni alternative al carcere e alla separazione delle famiglie. Questa disposizione è ora rispettata?

D. G.: Solo in parte. Non ho più visto casi in cui entrambi i genitori sono stati incarcerati. Ma le situazioni in cui il padre oppure la madre è incarcerato continuano ad esistere. Le autorità cantonali non sempre cercano alternative prima di incarcerare uno dei genitori. La famiglia afghana non ha mai cercato di sottrarsi alle autorità. Non c'era alcun motivo di incarcerarli. E questo accade regolarmente.

swissinfo.ch: Il Consiglio d'Europa accusa la Svizzera di non tener sufficientemente conto delle esigenze delle donne e dei bambini nella presa a carico dei migranti. Quali carenze riscontra in questo campo?

D. G.: In primo luogo, è inaccettabile che nei centri federali per i richiedenti l'asilo i bambini non siano scolarizzati. Questo benché, nel 2016, sia entrata in vigore una clausola della legge sull'asilo che prevede un insegnamento di base per i minori. Dobbiamo tenere maggiormente conto degli interessi dei bambini.

Il secondo grave problema riguarda le donne. Molte migranti hanno subito violenze sessuali durante il viaggio o nel paese di origine. Nella Repubblica democratica del Congo, ad esempio, in situazioni di conflitto le donne sono spesso violentate. In Iraq, le donne yazidi rapite dall'autoproclamato Stato islamico sono state usate come schiave sessuali. Siriane, eritree e tutte coloro che passano dalla Libia vengono sistematicamente stuprate.

Una volta arrivate in Svizzera, nei centri per rifugiati, sono collocate accanto a stanze degli uomini, dove tutta la notte sentono le loro discussioni. Molte di loro hanno paura; non escono di notte per andare in bagno, perché devono passare davanti al dormitorio degli uomini, o non riescono a dormire. Non si tiene assolutamente conto della loro situazione. Devono essere adottate misure per garantire la protezione delle donne.

4 (1)

graphique Dublin


(Traduzione dal francese: Sonia Fenazzi)


Link

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.