Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Regioni transfrontaliere I vantaggi dell'agglomerato di Ginevra in un mondo che cambia

Pierre Maudet a mezzo busto.

"I problemi sollevati dai rappresentanti francesi sono generalmente reali, riflettono una preoccupazione condivisa", riconosce il presidente del governo cantonale di Ginevra, Pierre Maudet.

(swissinfo.ch)

Presidente del governo cantonale dalla scorsa primavera, Pierre Maudet sovrintende lo sviluppo dell'agglomerato ginevrino e della Ginevra internazionale. Provetto conoscitore della politica locale, il magistrato delinea il modo di organizzare la crescita dell'agglomerato franco-svizzero e le vie da percorrere per rafforzare il suo ruolo internazionale.

Ginevra ha ricomposto nei mesi scorsi la sua rappresentanza politica in seguito alle elezioni cantonali. Le formazioni della destra conservatrice e sovranista sono fortemente regredite a vantaggio degli altri partiti, sia di destra che di sinistra.

La politica nel sangue

Nato il 6 marzo 1978, Pierre MaudetLink esterno a 15 anni presiede il parlamento dei giovani della città di Ginevra, a 21 anni è eletto al parlamento comunale di Ginevra e a 29 anni all'esecutivo. A 33 anni diventa sindaco.

Dal 2012 inizia la carriera a livello cantonale: è eletto al governo, dove viene riconfermato nelle due elezioni successive, la più recente il 15 aprile 2018.

Dal 2005 al 2015 presiede la Commissione federale per l'infanzia e la gioventù. Al contempo, presiede per tre anni il Partito radicale ginevrino (destra). Dal 31 maggio 2018 presiede il governo cantonale di Ginevra.

Fine della finestrella

Cavallo di battaglia soprattutto del Mouvement citoyen genevois (MCG), il rifiuto dei lavoratori frontalieri non sembra più essere un argomento che fa presa sull'elettorato. Ciò consente al nuovo governo del cantone di andare avanti con il suo progetto di agglomerato.

Candidato sfortunato lo scorso anno al governo federale per succedere al collega di partito dimissionario Didier Burkhalter, il liberale radicale Pierre Maudet si è consolato a Ginevra, dove nel maggio di quest'anno è stato l'unico candidato rieletto al primo turno all'esecutivo cantonale.

Designato dai colleghi di governo per presiedere l'esecutivo per la corrente legislatura di cinque anni, Pierre Maudet si mostra determinato e fiducioso per il futuro di una regione che coniuga una forte attività economica con le opportunità offerte dalle numerose organizzazioni internazionali insediate nella regione in riva al Lago Lemano.

swissinfo.ch: Le ultime elezioni cantonali hanno tolto parte dell'ipoteca sullo sviluppo ordinato della Grande Ginevra, dell'agglomerato ginevrino oltre i suoi confini politici. È giunta l'ora delle realizzazioni?

L'essenziale resta ancora da fare, ma il calendario ora è molto più chiaro. L'inaugurazione del CEVA, il collegamento ferroviario franco-svizzero ora chiamato Léman Express, è prevista per la fine del 2019. È un appuntamento da non mancare, in termini di mobilità, ma anche di pianificazione e di economia. Questa linea ferroviaria si iscrive nel filone di un altro modo di considerare la relazione tra Ginevra e la sua regione e i flussi generati principalmente da esigenze economiche.

Da notare anche che la deputazione dell'MCG nel parlamento cantonale si è dimezzata.

Questo contesto mostra che i ginevrini si rendono conto che la Grande Ginevra, questo bacino di vita, è una realtà, qualunque siano le percezioni che ispira da un lato e dall'altro del confine. Ora si tratta di mettervi ordine, d'inquadrarla e darle la sua vera dimensione.

Mappa della *Grande Ginevra

La "Grande Ginevra" in giallo. La linea rossa definisce lo'Spazio transfrontaliero ginevrino.

(OST)

swissinfo.ch: Perché le autorità hanno anticipato così poco lo sviluppo organico di questa regione metropolitana?

La capacità di scegliere, e non di subire, lo sviluppo economico è una questione che si pone a tutti gli agglomerati del pianeta. Questa capacità viene messa a dura prova quando il confine politico, il bacino di attività economica e i contributori interessati non coincidono.

Quando le cerchie dei beneficiari, dei contribuenti e degli utenti delle prestazioni non coincidono sorge tutta una serie di tensioni.

L'esempio di Ginevra è lampante. Il fatto di dover rimandare dall'altra parte del confine delle persone che fanno vivere economicamente la città e che non riescono trovarvi un alloggio allarga questa frattura. Ma chi la dura la vince. Oggi a Ginevra sono in costruzione più di 5'500 alloggi.

Dunque, indubbiamente le autorità non hanno considerato precocemente questa situazione, ma a me non interessa affatto commentare il passato.

Ginevra vista a volo d'uccello.

Dalla Stazione spaziale internazionale (ISS), l'astronauta francese Thomas Pesquet ha fotografato Ginevra il 20 gennaio 2017.

(Picasa)

swissinfo.ch: Come vanno gli scambi tra i magistrati eletti dai due lati del confine?

Non partiamo dal nulla. Le strutture d'incontro esistono. I contatti sono buoni e nel corso di questa legislatura porteranno ad elementi concreti. L'estensione della linea del tram 12 – un'istituzione a Ginevra – all'interno del comune francese di Annemasse è una realtà che vivremo nei prossimi anni. È frutto di contatti personali, della capacità di lottare insieme per ottenere sovvenzioni dalla Confederazione. Questa linea incarna la visione comune di un agglomerato che si estende oltre i confini nazionali.

swissinfo.ch: Il sindaco del comune francese di Saint-Julien, Antoine Vieillard, fa il guastafeste criticando regolarmente le autorità di Ginevra. In particolare denuncia la crescita eccessiva. Riflette il punto di vista dei comuni francesi intorno a Ginevra?

I problemi sollevati dai rappresentanti francesi sono generalmente reali, riflettono una preoccupazione condivisa. Lo sviluppo di una regione implica l'accoglienza di molte famiglie supplementari e maggiori necessità scolastiche. Ciò richiede una pianificazione su entrambi i lati del confine. È necessario sviluppare una visione comune, ma farlo possibilmente evitando gesticolazioni e teatralità. Non mi soffermo sulle considerazioni di un eletto locale tra molti altri.

swissinfo.ch: L'UE vuole che i frontalieri disoccupati siano indennizzati dal paese in cui hanno lavorato. Questo è un grosso scoglio per la regione di Ginevra?

È chiaro che la prospettiva di dover risarcire i disoccupati in base al luogo di lavoro è un cambiamento totale di paradigma. Ma siamo molto lontani dall'attuazione di questa misura, dal momento che si tratta di un dibattito tra 27 paesi membri che può generare molte discussioni interne, poiché si è sempre i frontalieri di qualcuno.

Per la Francia, non è così ovvio prendere una posizione che sarebbe ipoteticamente favorevole a questo cambiamento, sapendo che la Francia ha altri paesi ai suoi confini in cui le condizioni talvolta sono nettamente meno favorevoli che in Svizzera, per quanto riguarda l'assicurazione contro la disoccupazione.

Si deve pertanto seguire questo dibattito e includerlo nei negoziati sullo sviluppo delle relazioni bilaterali tra la Svizzera e l'UE.

Dipinto di Auguste André Bovet: vista sul lago Lemano e il Monte Bianco

Vista sul Monte Bianco e sul Lemano da Pregny (Ginevra), di Auguste André Bovet (attorno al 1830)

(Bibliothèque de Genève)

swissinfo.ch: Per quanto riguarda la Ginevra internazionale, lei ha annunciato al quotidiano Le Temps che vuole sviluppare una diplomazia scientifica. È una risposta alle minacce che pesano sul sistema multilaterale, in particolare sull'ONU?

Anche se ci sono attacchi regolari, la Svizzera e Ginevra, come città ospitante, sono convinte che il multilateralismo abbia ancora dei bei giorni davanti a sé, forse ancora di più dal momento che alcuni paesi – tra cui il più importante sono gli Stati Uniti – si ritirarono da alcuni suoi organi.

Allora perché parlare di diplomazia scientifica? Ginevra ha una strategia di diversificazione nella natura delle attività internazionali che promuove. In un mondo diventato molto relativistico con ideologie che stanno recuperando terreno, la scienza ci sembra un legame tra i popoli. L'idea è di trovare temi unificatori con il know-how già presente qui, come il CERN, il settore delle biotecnologie, il settore accademico (università, alte scuole, Politecnico di Losanna), le agenzie delle Nazioni Unite e grandi attori dell'economia. Questo è un campo estremamente propizio allo sviluppo e alla promozione di Ginevra come perno per affrontare le sfide del nostro pianeta.

swissinfo.ch: Ginevra è stata un luogo importante per l'editoria e la stampa. Oggi non è rimasto granché. Non è sorprendente per un posto che pretende sempre di brillare in lungo e in largo?

Non dobbiamo confondere il messaggio e il supporto. Il digitale ha spazzato via i media tradizionali. Il supporto cartaceo è alla fine del suo modello economico. Ma dal 1997, le reti televisive locali si sono sviluppate, così come altre forme di informazione di prossimità, inclusi dei comuni che hanno creato i propri canali di trasmissione audiovisivi. Il modo d'informare evolve.

Ma riguardo alla produzione di idee, alla capacità di generare il dibattito pubblico, che non va confuso con i supporti, Ginevra e il suo polo internazionale sono più che mai al crocevia delle idee e dei dibattiti che agitano il mondo odierno.


(Traduzione dal francese: Sonia Fenazzi)

Parole chiave

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.