Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Retrospettiva 2018 All'insegna del sole e dell'energia

Il 2018 è stato probabilmente l’anno più caldo in Svizzera dall’inizio delle misurazioni sistematiche delle temperature. Oltre alla lunga canicola estiva, diversi altri eventi hanno caratterizzato l’anno che si sta per concludere. Qui di seguito vi proponiamo una breve retrospettiva in immagini. 

Secondo le previsioni dell'Ufficio federale di meteorologia e climatologia, la temperatura annua media su scala nazionale raggiungerà quasi i 7 gradi quest’anno, mentre negli ultimi 30 anni è stata di 5,7 gradi. Un’estate particolarmente calda e secca ha fatto abbassare notevolmente il livello dell'acqua dei fiumi e dei laghi svizzeri, nonostante lo scioglimento ancora più rapido dei ghiacciai sulle Alpi. 

Il fatturato del commercio di acqua minerale, birra e gelati è sensibilmente aumentato durante il lungo periodo di calore, mentre numerose persone hanno cercato rinfresco anche nelle piscine, nei laghi di montagna o nelle vallate alpine. 

Feroci battaglie e elezioni 

L'anno è stato segnato anche da accese battaglie su diversi oggetti sottoposti a votazione federale. L’iniziativa “No Billag”, che chiedeva di sopprimere il canone radiotelevisivo, è stata respinta in marzo da una grande maggioranza di elettori. Stessa sorte è toccata in novembre all’iniziativa “Per l’autodeterminazione”, che intendeva sancire la prevalenza del diritto costituzionale sul diritto internazionale e obbligare le autorità ad adeguare o denunciare trattati internazionali che contraddicono la Costituzione. 

Più presenza femminile 

Con l’elezione di Karin Keller-Sutter e Viola Amherd lo scorso 5 dicembre, per la prima volta finora due donne entrano contemporaneamente nel governo svizzero. Dal 2019, tre donne e quattro uomini formeranno il Consiglio federale. 

Spettacolo naturale rosso sangue 

Con la "Blood Moon" si è potuto assistere quest’estate ad un raro spettacolo naturale. È stata infatti la più lunga eclissi lunare completa del 21° secolo. Bisognerà “aspettare” fino al 9 giugno 2123 per poter di nuovo ammirare un'eclissi lunare totale di uguale lunghezza.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.