Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Sì del Cantone alla prima casa di tolleranza in Ticino.

Dopo il sì del Cantone, tocca ora al Municipio di Lugano esprimersi sulla riapertura del Tortuga

(Keystone)

Il Dipartimento del territorio ha dato preavviso favorevole al rilascio della licenza edilizia per la trasformazione del locale luganese Tortuga in una casa di appuntamenti. Per bloccare il progetto si erano mobilitati gli abitanti del quartiere Loreto che nei mesi scorsi erano anche riusciti a imporre la chiusura del ritrovo a luci rosse. L'ultima decisione sul permesso di costruzione spetta al Municipio di Lugano.

Quattro piani di appartamenti che ospiteranno una ventina di ragazze e al piano terra al posto del vecchio bar un club house o un centro fitness. E' questo il progetto presentato al comune e al Cantone dalla società Transmontana proprietaria dell'immobile che si trova nel centro della città. E Bellinzona non ha potuto dire di no.

Difatti, la domanda di costruzione è perfettamente in regola sotto il profilo tecnico e giuridico con le norme cantonali, anche se il nullaosta del Dipartimento del territorio è condizionato al rispetto delle disposizioni sulle emissioni foniche. Spetterà, invece, all'esecutivo luganese valutare eventuali problemi di ordine e quiete pubblica.

Un preavviso di cui il Municipio dovrà comunque tener conto nel verificare la conformità del progetto al piano regolatore cittadino. Una scelta non facile viste le opposizioni, i ricorsi e le 1200 firme raccolte dalla popolazione di Loreto contro quello che potrebbe essere il primo "bordello legale" del cantone.

Dal canto suo la Transmontana, che vuole fare del Tortuga una casa per le "lucciole" legalizzata e controllata, ha pure promosso una petizione popolare a favore del suo progetto che ha raccolto oltre 3000 firme e che, si sostiene, è del tutto in sintonia con la nuova legge sulla prostituzione approvata dal Gran Consiglio nei mesi scorsi.

La legge, che però deve entrare ancora in vigore, attribuisce ai comuni la facoltà di decidere in quali zone del proprio territorio si può esercitare o meno la prostituzione.

Libero D'Agostino

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.