Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Sicurezza in Europa Uno svizzero nominato segretario generale dell'OSCE

Thomas Greminger

Thomas Greminger ha iniziato a lavorare per la diplomazia elvetica nel 1990.

(Keystone)

Thomas Greminger è il nuovo segretario generale dell'Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa (OSCE). La sua nomina, già annunciata la settimana scorsa, è stata formalmente confermata martedì alla sede di Vienna.

«Questa nuova responsabilità nell'OSCE riflette la nostra volontà di dare un contributo concreto e durevole alla sicurezza del nostro continente per mezzo della cooperazione», ha dichiarato il ministro svizzero Didier Burkhalter, citato in una nota odiernaLink esterno del Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE).

Con i suoi 57 Stati partecipanti tra Nord America, Europa e Asia, l'OSCELink esterno è l'organizzazione regionale per la sicurezza più grande del mondo nonché un'importante piattaforma per il dialogo e l'azione congiunta, ricorda il comunicato del DFAE.

Il segretario generale dirige il Segretariato a Vienna e assiste da vicino la presidenza in carica. È nominato dal Consiglio dei ministri per un periodo di tre anni e il suo mandato può essere rinnovato una volta.

(1)

Nella diplomazia da quasi 30 anni

Nato a Lucerna nel 1961 e cresciuto ad Adliswil, Thomas Greminger è entrato nel servizio diplomatico del DFAE nel 1990. Tra il 2010 e il 2015 è stato rappresentante permanente della Svizzera presso l'OSCE, le Nazioni Unite e le organizzazioni internazionali a Vienna.

Prima della sua nomina, Graminger è stato direttore supplente della Direzione dello sviluppo e della cooperazione (DSCLink esterno) e capo del settore cooperazione sud, sempre presso la DSC. L’ambasciatore elvetico assumerà la funzione di segretario generale dell’OSCE il 19 luglio 2017.

Oltre alla nomina di Greminger, in seno all'organizzazione sono stati decisi altri tre avvicendamenti importanti: l'ex ministra islandese degli affari esteri, Ingibjörg Sólrún Gísladóttir, è stata chiamata a dirigere l'Ufficio delle istituzioni democratiche e dei diritti umani, l'ex ministro francese Harlem Désir è stato nominato rappresentante per la libertà dei mezzi d'informazione e l'ex segretario generale dell'OSCE, l'italiano Lamberto Zannier, è il nuovo alto commissario per le minoranze nazionali.

swissinfo.ch e agenzie/lj

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

×

In evidenza