Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Nel 2017 l'utilizzo dei social media è diminuito per la prima volta in Svizzera.

KEYSTONE/AP/WILFREDO LEE

(sda-ats)

Nel 2017 l'utilizzo dei social media è diminuito per la prima volta in Svizzera: il tasso è sceso al 55% della popolazione, quattro punti percentuali in meno di un anno prima.

Lo rivela uno studio di Publicom, secondo cui l'immagine di Facebook, Twitter e altre reti sociali ha sofferto.

I social media hanno così perso perfino più fruitori che la carta stampata, la quale ha subito una contrazione dell'1%. Comprese le edizioni digitali, la stampa raggiungeva l'anno scorso il 94% della popolazione tra i 15 e i 79 anni.

Lo studio MediaBrands, condotto annualmente dal 2013 dall'impresa specializzata in media e comunicazione e pubblicato oggi, sostiene che le reti sociali sono anche confrontate a danni all'immagine: scandali quali la raccolta di dati senza autorizzazione e fake news hanno lasciato chiare tracce. Soprattutto Facebook e Twitter hanno pertanto perso simpatie e fiducia. Il primo è addirittura il marchio mediatico con il più basso tasso di credibilità tra i 170 esaminati.

La popolazione svizzera attesta per contro un'elevata attendibilità ai quotidiani regionali abbonati e alla radiotelevisione pubblica. Complessivamente la credibilità dei media in Svizzera è rimasta invariata a un alto livello; romandi e ticinesi si fidano comunque un po' meno degli svizzerotedeschi.

Per lo studio rappresentativo sono stati interrogati nei mesi di aprile e maggio 4'828 svizzeri di età compresa tra i 15 e i 79 anni.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


Sondaggio svizzeri all'estero

Sondaggio

Cari svizzeri all'estero, le vostre opinioni contano

Sondaggio

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS