Mali

Un hotel svizzero nella zona di conflitto

Società  
Copia e incolla il codice riportato sopra.

Erika Maier ha lasciato la Svizzera per andare in Mali ad aprire un hotel. Malgrado la guerra civile e la mancanza di turisti, la 60enne di Sciaffusa non intende abbandonare il paese. Paradossalmente, è stato proprio il conflitto a portarle numerosi clienti.

Quattro anni fa, Erika Maier ha iniziato una nuova vita. Assieme a un partner ha aperto un hotel - il “Nanagaleni” - a Koulikoro, nel sud-ovest del Mali. Nel 2012, appena terminati i lavori di costruzione, un colpo di Stato e la susseguente guerra civile hanno fatto fuggire i turisti.

Il conflitto, che continua a dividere il paese, si è però rivelato una benedizione per la coraggiosa imprenditrice, anche se i suoi clienti non indossano più vestiti civili bensì l’uniforme militare. Il Nanagaleni deve il suo successo ai soldati dell’ex potenza coloniale francese venuti in Mali per contrastare i jihadisti, agli istruttori europei delle forze governative e ai collaboratori di organizzazioni non governative. (Immagini e suono: Fabian Stamm)

 
Al momento non è possibile visualizzare i commenti