Passare direttamente al contenuto
Your browser is out of date. It has known security flaws and may not display all features of this websites. Learn how to update your browser[Chiudi]

Religione e formazione


Inaugurato il Centro islamico di Friburgo


Favorire il dialogo e la tolleranza nella diversità religiosa e culturale: è questo l’obiettivo del Centro Svizzero Islam e Società (CSIS) dell’Università di Friburgo, inaugurato ufficialmente lunedì.

Siamo fieri di accogliere questo centro di competenza a livello nazionale, ha affermato la rettrice dell’ateneo Astrid Epinay. L’università, ha sottolineato Epinay, deve contribuire a coltivare l’apertura e la tolleranza, perché «soltanto una società in cui possiamo vivere insieme rispettando le differenze» consente a ciascuno una vita nella dignità.

L'apertura del CSIS, operativo dall’inizio del 2015, ha suscitato ampio dibattito, ha rammentato il consigliere di Stato Jean-Pierre Siggen, responsabile nel governo cantonale per la cultura e la pubblica istruzione.

Per bloccare il CSIS l'Unione democratica di centro friburghese ha lanciato a fine gennaio 2015 una iniziativa popolare, consegnata nel luglio successivo. Oltre 9100 le firme raccolte, di cui più di 8700 sono state autenticate (ne bastavano 6000 per la riuscita). Lo scorso 18 marzo il Gran Consiglio friburghese, con 63 voti contro 18 e un'astensione, l'ha però dichiarata contraria alla Costituzione federale, seguendo l'esortazione in tal senso del Consiglio di Stato. L'UDC ha deciso in maggio di rivolgersi al Tribunale federale, che deve ancora pronunciarsi.

L'iniziativa si oppone alla creazione del CSIS e all'«instaurazione di una qualsiasi formazione statale di imam». Cosa che il Centro non farà, ha assicurato il consigliere di Stato Siggen. Per contro, ha aggiunto, esso contribuirà al pubblico dibattito e quest'ultimo potrà essere arricchito da riflessioni scientifiche.

Il CSIS focalizza la sua attenzione sulle questioni legate all'islam nella società svizzera, sviluppando le sue attività nella ricerca, nell'insegnamento e nella formazione continua. Nella sua breve attività esso si è già imposto come centro di competenza d'importanza nazionale, affermano i suoi dirigenti. Le molteplici richieste ricevute e i finanziamenti esterni ottenuti testimoniano a loro avviso un forte bisogno di valutazioni di esperti in questo ambito di grande attualità.

swissinfo.ch e rsi.ch (TG del 13.06.2016)

Diritto d'autore

Tutti i diritti sono riservati. Il contenuto del sito web presso swissinfo.ch è protetto da diritto d’autore. Esso è destinato esclusivamente a uso privato. Qualunque utilizzo dei contenuti del sito web diverso da quello previsto in precedenza, in particolare la distribuzione, la modifica, la trasmissione, la conservazione e la copia richiede la previa autorizzazione scritta di swissinfo.ch. Per informazioni relative a tale utilizzo dei contenuti del sito web, si prega di contattarci all’indirizzo contact@swissinfo.ch.

Per quanto riguarda l'uso a fini privati, è consentito solo utilizzare un collegamento ipertestuale a un contenuto specifico e di aggiungerlo al proprio sito web o a un sito web di terzi. Il contenuto del sito web swissinfo.ch può essere incorporato solo in un ambiente privo di annunci pubblicitari e senza alcuna modifica. In particolare, è concessa una licenza di base non esclusiva e non trasferibile, limitata a un solo scaricamento e salvataggio dei dati scaricati su dispositivi privati e valida per tutto il software, le cartelle, i dati e il loro contenuto forniti per lo scaricamento dal sito swissinfo.ch. Tutti gli altri diritti restano di proprietà di swissinfo.ch. In particolare, è vietata la vendita o l'uso commerciale di questi dati.

×