Your browser is out of date. It has known security flaws and may not display all features of this websites. Learn how to update your browser[Chiudi]

Scalata in 3D


Cervino, 360 gradi di realtà virtuale




Una mano dopo l’altra, passo dopo passo. Per scalare una montagna ci vogliono pazienza, perseveranza ed esperienza. Con swissinfo.ch potete salire sulla vetta della montagna più famosa della Svizzera senza bisogno di allenarvi, camminare o arrampicarvi.

Sul vostro computer, tablet o dispositivo mobile avete ora la possibilità di scalare il Cervino con la realtà virtuale. Un’esperienza che può essere arricchita con Google cardboard, Oculus rift o con altri tipi di visori.

Cliccare sull'immagine per iniziare!

Godetevi una vista a 360 gradi della vetta del Cervino durante il levar del sole. Posizionatevi di fronte alla piccola capanna alpina dove ambiziosi scalatori consumano il loro ultimo pasto prima di iniziare la conquista della cima alle prime ore del mattino. Ammirate un panorama mozzafiato in 3D dalla cresta innevata che bisogna affrontare per raggiungere la cima.

Il 2015 segna il 150º anniversario della prima scalata del Cervino. Un trionfo offuscato dalla tragedia avvenuta durante la discesa, quando quattro dei sette scalatori della cordata persero la vita cadendo nel vuoto.

swissinfo.ch ha collaborato con le persone che meglio conoscono la montagna - le guide, gli alpinisti e i discendenti diretti dei primi scalatori del Cervino - per avvicinarvi il più possibile a questo simbolo della Svizzera.

Ascoltate il racconto dell’uomo che conserva la storia della montagna nel museo del Cervino e date un’occhiata alla corda spezzatasi durante la fatale spedizione del 1865, così come alle scarpe, ai rosari e ai copricapi portati dai primi scalatori. Incontrate un alpinista che ha scalato il Cervino 400 volte e che ora accoglie gli appassionati alla famosa capanna alpina Hörnli, tappa obbligata per chi vuole raggiungere la vetta.

Ma soprattutto ammirate ogni cresta, roccia e masso innevato mentre vi trovate in uno dei paesaggi alpini più incredibili del mondo.

(Produzione: Matthias Taugwalder/CONCEPT360; Testo: Jo Fahy)

swissinfo.ch



Link

×