Passare direttamente al contenuto
Your browser is out of date. It has known security flaws and may not display all features of this websites. Learn how to update your browser[Chiudi]

Scandalo FIFA


Partita finita per Michel Platini


Michel Platini ha annunciato le dimissioni dalla presidenza dell'Unione delle associazioni calcistiche europee (UEFA). Invece dell’assoluzione, dal Tribunale arbitrale dello sport di Losanna è arrivata soltanto una riduzione della sua squalifica da sei a quattro anni.

Presidente dell’UEFA dal gennaio 2007, Platini era stato giudicato colpevole per aver violato il codice etico della FIFA assieme a Joseph Blatter, l’ex presidente dell’organizzazione. I due erano stati sospesi da qualsiasi attività calcistica.

L'ex-fantasista della Juventus non è riuscito a convincere i giudici del Tribunale arbitrale dello sport di Losanna (TAS) della «legittimità del versamento di 2 milioni di franchi, riconosciuto dai soli signori Platini e Blatter, intervenuto otto anni dopo la cessazione dei rapporti di lavoro, che non riposa su alcun documento e non corrisponde alla parte dello stipendio non pagato», scrive il tribunale nelle motivazioni.

Il TAS segnala inoltre che Platini «è stato beneficiario in modo retroattivo di un piano di previdenza al quale non aveva diritto» e aggiunge che «una sanzione severa è giustificata a causa delle funzioni superiori esercitate da Platini (presidente UEFA e vice-presidente FIFA), l'assenza di pentimento e l'impatto che questo affare ha avuto sulla reputazione della FIFA.

«Prendo atto della decisione presa oggi dal Tribunale arbitrale dello sport, ma la considero una profonda ingiustizia. Questa decisione mi impone una sospensione la cui durata mi impedirà, guarda la coincidenza, di candidarmi alle prossime elezioni per la presidenza della FIFA. Come convenuto con le varie Federazioni nazionali, mi dimetto dalle mie funzioni da presidente della UEFA al fine di proseguire la mia battaglia davanti ai tribunali svizzeri per dimostrare la mia onestà», ha dichiarato l’ex calciatore.

swissinfo.ch e tvsvizzera.it (Telegiornale RSI del 9.05.2016)

Diritto d'autore

Tutti i diritti sono riservati. Il contenuto del sito web presso swissinfo.ch è protetto da diritto d’autore. Esso è destinato esclusivamente a uso privato. Qualunque utilizzo dei contenuti del sito web diverso da quello previsto in precedenza, in particolare la distribuzione, la modifica, la trasmissione, la conservazione e la copia richiede la previa autorizzazione scritta di swissinfo.ch. Per informazioni relative a tale utilizzo dei contenuti del sito web, si prega di contattarci all’indirizzo contact@swissinfo.ch.

Per quanto riguarda l'uso a fini privati, è consentito solo utilizzare un collegamento ipertestuale a un contenuto specifico e di aggiungerlo al proprio sito web o a un sito web di terzi. Il contenuto del sito web swissinfo.ch può essere incorporato solo in un ambiente privo di annunci pubblicitari e senza alcuna modifica. In particolare, è concessa una licenza di base non esclusiva e non trasferibile, limitata a un solo scaricamento e salvataggio dei dati scaricati su dispositivi privati e valida per tutto il software, le cartelle, i dati e il loro contenuto forniti per lo scaricamento dal sito swissinfo.ch. Tutti gli altri diritti restano di proprietà di swissinfo.ch. In particolare, è vietata la vendita o l'uso commerciale di questi dati.

×