Passare direttamente al contenuto
Your browser is out of date. It has known security flaws and may not display all features of this websites. Learn how to update your browser[Chiudi]

Sorpresa: nessuna sorpresa!


Dopo l'elezione, la foto di rito. Da sinistra a destra: la dimissionaria Micheline Calmy-Rey, i ministri uscenti Eveline Widmer-Schlumpf, Doris Leuthard, Ueli Maurer, Didier Burkhalter, Simonetta Sommaruga, Johann Schneider-Ammann, la cancelliera Corina Casanova, il neoeletto Alain Berset. (Keystone)

Dopo l'elezione, la foto di rito. Da sinistra a destra: la dimissionaria Micheline Calmy-Rey, i ministri uscenti Eveline Widmer-Schlumpf, Doris Leuthard, Ueli Maurer, Didier Burkhalter, Simonetta Sommaruga, Johann Schneider-Ammann, la cancelliera Corina Casanova, il neoeletto Alain Berset.

(Keystone)

Il rinnovo integrale del Consiglio federale del 14 dicembre 2011 non ha riservato alcun colpo di scena. Tutto è filato spedito. L'unica elezione che ha richiesto due scrutini è stata quella del successore della ministra dimissionaria Calmy-Rey.

La composizione partitica del governo elvetico resta invariata rispetto a quella attuale. I sette seggi sono ripartiti come segue: due al Partito socialista, due al Partito liberale radicale, uno all'Unione democratica di centro, uno al Partito popolare democratico e uno al Partito borghese democratico.

Contrariamente alle elezioni governative per le due precedenti legislature, questa volta l'Assemblea federale non ha estromesso alcun membro del governo che si ricandidava.

Tutti i sei uscenti in corsa sono stati riconfermati. E tutti al primo turno. Anche la rappresentante del Partito borghese democratico Eveline Widmer-Schlumpf e il liberale radicale Johann Schneider-Ammann, ai quali l'Unione democratica di centro ha cercato invano di carpire il seggio.

Il più grande partito della Svizzera ha pure fallito nel tentativo di riconquistare il secondo mandato, perso nella scorsa legislatura, a scapito del Partito socialista. La ministra socialista uscente Simonetta Sommaruga è stata riconfermata e il seggio lasciato dalla sua collega di partito Micheline Calmy-Rey è stato attribuito a uno dei due candidati ufficiali del PS, il senatore friburghese Alain Berset.

Dopo l'elezione, la foto di rito. Da sinistra a destra: la ministra dimissionaria Micheline Calmy-Rey, i ministri uscenti Eveline Widmer-Schlumpf, Doris Leuthard, Ueli Maurer, Didier Burkhalter, Simonetta Sommaruga, Johann Schneider-Ammann, la cancelliera della Confederazione Corina Casanova, il neoeletto Alain Berset.

Diritto d'autore

Tutti i diritti sono riservati. Il contenuto del sito web presso swissinfo.ch è protetto da diritto d’autore. Esso è destinato esclusivamente a uso privato. Qualunque utilizzo dei contenuti del sito web diverso da quello previsto in precedenza, in particolare la distribuzione, la modifica, la trasmissione, la conservazione e la copia richiede la previa autorizzazione scritta di swissinfo.ch. Per informazioni relative a tale utilizzo dei contenuti del sito web, si prega di contattarci all’indirizzo contact@swissinfo.ch.

Per quanto riguarda l'uso a fini privati, è consentito solo utilizzare un collegamento ipertestuale a un contenuto specifico e di aggiungerlo al proprio sito web o a un sito web di terzi. Il contenuto del sito web swissinfo.ch può essere incorporato solo in un ambiente privo di annunci pubblicitari e senza alcuna modifica. In particolare, è concessa una licenza di base non esclusiva e non trasferibile, limitata a un solo scaricamento e salvataggio dei dati scaricati su dispositivi privati e valida per tutto il software, le cartelle, i dati e il loro contenuto forniti per lo scaricamento dal sito swissinfo.ch. Tutti gli altri diritti restano di proprietà di swissinfo.ch. In particolare, è vietata la vendita o l'uso commerciale di questi dati.

×