Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Svizzeri all'estero La svizzera che porta il teatro nelle case degli italiani

ragazza seduta su un divano

Eva Allenbach con la locandina di 'Das falsche Herz', un film del 2012 nel quale interpreta il ruolo di una domestica.

(swissinfo.ch)

Eva Allenbach si è trasferita a Roma per amore e per coltivare la sua grande passione: la recitazione. Attrice di teatro, ha voluto rompere il muro immaginario che separa il pubblico dagli artisti.

Soldatessa austriaca durante la Prima guerra mondiale, tedesca nella Germania degli anni Sessanta, madre tossicodipendente e segretaria: sono alcuni dei personaggi in cui si è immedesimata Eva Allenbach, che a 37 anni ha già una discreta carriera artisticaLink esterno alle spalle. Nel mondo del cinema, con corti e lungometraggi, e in quello del teatro.

(1)

showreel di eva allenbach

Nella vita reale, Eva Allenbach è una svizzera emigrata a Roma. Una svizzera che col tempo si sta sempre più "italianizzando", per usare le sue parole. "Sento mie entrambe le identità", afferma.

La passione del cinema al Festival del film di Locarno

Eva Allenbach nasce a Zurigo nel 1982 e si trasferisce con la famiglia a Torricella, in Ticino, quando è ancora una bambina. Suo padre, di professione giornalista, ha ottenuto un posto come corrispondente a sud delle Alpi. Al termine della scuola dell'obbligo, fa ritorno a Zurigo per frequentare il liceo artistico. "Avevo solo 15 anni, ma siccome la mia mamma è anch'essa un po' artista, ha capito la mia scelta".

Per Eva Allenbach, la svolta arriva un anno più tardi, quando partecipa a Cinema&GioventùLink esterno, il programma del Festival internazionale del film di Locarno rivolto a studenti svizzeri. È infatti sulle rive del Lago Maggiore che nasce la sua passione per il cinema.

Durante un anno sabbatico, in cui lavora anche come cameriera, inizia a interessarsi alle scuole di cinema. "Volevo fare la regista, ma poi ho scelto la strada della recitazione". Nel 2003, dopo una dura selezione, è ammessa al Centro sperimentale di cinematografia di RomaLink esterno. Terminati i tre anni di formazione, trova un agente e fa dei provini. Ma come si rende rapidamente conto, "non è facile campare come attrice".

"Svizzera e italiana: sento mie entrambe le identità"

Eva Allenbach, attrice

Fine della citazione

Roma-Zurigo, andata e ritorno

Decide così di tornare in Svizzera, a Zurigo, anche per mettersi alla prova recitando in tedesco. Parallelamente a un impiego nella ristorazione, partecipa ad alcuni cortometraggi e film indipendenti. Ottiene anche una parte in Sinestesia, un film del 2010 coprodotto dalla Radiotelevisione svizzera. "Poi ho iniziato una relazione a distanza con un sardo che viveva a Roma e così mi sono nuovamente trasferita in Italia", racconta Eva Allenbach.

Seguono dei ruoli in alcune pellicole destinate al grande schermo, tra cui Itaker - Vietato agli italianiLink esterno, un film drammatico con Michele Placido che parla delle difficili condizioni di vita dei lavoratori stranieri, tra cui appunto gli italiani, che emigrarono in Germania negli anni Sessanta.

Ispirandosi ai suoi modelli - in primis la tedesca Sandra Hüller, vincitrice dell'Orso d'argento come migliore attrice al Festival di Berlino del 2006, e l'americana Gena Rowlands, Oscar alla carriera nel 2016 - l'attrice elvetica decide di cimentarsi nel teatro.

Teatro nelle case degli altri

"Ho iniziato con il collettivo artistico Isola TeatroLink esterno, con il quale abbiamo fatto uno spettacolo multilingue sui disertori della Prima guerra mondiale. Poi, con ArtestudioLink esterno, abbiamo realizzato degli spettacoli con carcerati e richiedenti l'asilo", racconta Eva Allenbach.

Da un paio di anni, fa parte di teatrofattoincasaLink esterno, una compagnia di attori uniti dalla predilezione per le opere di Natalia Ginzburg, scrittrice italiana del secolo scorso. "Abbiamo scelto una sua pièce ambientata all'interno e l'abbiamo portata nelle case", spiega.

A differenza del classico teatro con palcoscenico, lo spettacolo si svolge nei salotti e nelle cucine di abitazioni private. Un modo per "abbattere la quarta parete che separa gli attori dalla platea", dice Eva Allenbach. "Il pubblico è tra noi, seduto nei vari locali. Si crea così un'intimità particolare".

Andare nelle case della gente, prosegue, è anche un modo per fare teatro senza disporre di grossi mezzi finanziari. Finora, la compagnia romana organizzato una ventina di rappresentazioni nella capitale italiana, in Toscana e pure in Ticino. Nel prossimo spettacolo, preannuncia Eva Allenbach, la vicinanza con il pubblico sarà ancora più marcata. "Ci sarà una scena di un pranzo tra amici. L'idea è che anche gli spettatori si siedano al tavolo a mangiare".

gente seduta su delle sedie in un appartamento

Negli spettacoli di teatrofattoincasa, gli attori si mischiano al pubblico.

(Paolo Matteoni)

Relazioni più spontanee, ma meno durature

Nell'attesa di interpretare una figura dalla forte personalità - "mi piacerebbe fare la parte di una commissaria o di una donna di potere" - Eva Allenbach tenta di trovare un equilibrio tra il suo essere svizzera e il suo vivere da italiana.

"Quando abitavo a Zurigo ero piuttosto chiusa, riservata. Venire a Roma è stato uno choc culturale e mi ci sono voluti alcuni anni per adattarmi al modo più diretto di vivere le relazioni e la socialità in generale", confida. Amicizie e legami che secondo lei sono però meno profondi e duraturi rispetto a quelli in Svizzera. "Ho l'impressione che qui le persone entrino ed escano dalla tua vita in modo più rapido".

Soprattutto su incitamento del padre, si sforza di seguire l'attualità e la politica svizzera - "così tengo vivo il tedesco" - e di partecipare a votazioni ed elezioni. "Troverei però più sensato poter votare nel luogo in cui si vive, anche perché, vista da qui, la Svizzera mi sembra un mondo assai lontano", afferma.

Un mondo a cui non intende però voltare le spalle e che, anzi, vorrebbe far conoscere agli amici romani. "Natura, montagne, trasporti: è un paese fantastico. Vorrei che potessero scoprirlo anche i miei amici. È un peccato che la Svizzera sia così cara…".¨

Uno sguardo svizzero alle elezioni federali in sei paesi!

Prima delle elezioni federali del 20 ottobre 2019Link esterno, swissinfo.ch ha incontrato gli svizzeri all'estero in sei diversi paesi.

Volevamo scoprire le rivendicazioni, le esigenze specifiche e lo sguardo che porta la Quinta Svizzera sulla politica. I nostri giornalisti hanno visitato i club svizzeri in Italia, Francia, Germania, Brasile, Argentina e Stati Uniti.

Tavole rotonde, ritratti e interviste si trovano su swissinfo.ch così come su Instagram, Facebook e Twitter con gli hashtag #SWIontour e #WeAreSwissAbroad.

Fine della finestrella

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.