Contenuto principale

Il contenuto seguente è un elenco dei primi articoli del contenuto principale.

Migranti Giornalista yemenita lotta in Svizzera per il suo paese

In Svizzera non c'è quasi nessun yemenita. Il giornalista Saddam Hamed Abu Asim è uno dei pochi. È riuscito a fuggire dal suo Paese in preda alla ...

Svizzera - Yemen La guerra nello Yemen e cosa può fare la Svizzera

La Svizzera può contribuire a una soluzione pacifica nello Yemen, essendo rispettata nella regione quale paese neutrale, senza un'eredità coloniale.

Ulteriore contenuto principale

Il contenuto seguente è un elenco di ulteriori articoli del contenuto principale.

A caccia di uomini Donne al potere per tre giorni grazie al loro eroismo

In una tradizione portata avanti da 300 anni, ogni mese di gennaio le donne prendono le redini di due villaggi svizzeri.

Cinque anni dopo gli attentati Thierry Barrigue: "Lo spirito di Charlie Hebdo è completamente scomparso"

Cinque anni dopo l'attentato, il vignettista svizzero Thierry Barrigue fa un'amara constatazione: "La paura ha vinto".

Catena della Solidarietà svizzera Dieci anni dopo il terremoto ad Haiti, i frutti delle donazioni

L'opera delle organizzazioni umanitarie svizzere a Haiti, in genere, ha ancora effetti positivi, emerge da un'analisi della Catena della Solidarietà.

Serie: disuguaglianza sociale Il divario tra ricchi e poveri è un problema?

Da alcuni anni l’aumento delle disparità sociali è oggetto di studio e attira l’interesse dei media e della politica. Una tendenza pericolosa?

Diritti umani Nuove misure contro il terrorismo preoccupano le Ong

Al vaglio del parlamento svizzero vi sono misure di prevenzione contro il terrorismo che allarmano varie organizzazioni umanitarie.

30° anniversario Quando la Svizzera tagliò l'erba sotto i piedi al suo esercito

Gli svizzeri 30 anni fa votarono sull'abolizione dell'esercito. L'esito dello scrutinio spazzò via la guerra fredda dalla mente della gente?

I CENTO ANNI DELLA SOCIETÀ DELLE NAZIONI Fondazione Bodmer: a tu per tu con guerra e pace

La guerra è ciò che il futuro riserva all’umanità? Un interrogativo al centro della mostra allestita a Ginevra dalla Fondazione Martin Bodmer.

30 anni dalla caduta del muro di Berlino "Nel 1989 la Svizzera è stata travolta da un'ondata di simpatia per l'Europa dell'Est"

In Svizzera l'iniziale simpatia per l'Europa dell'Est si è trasformata in perplessità. A colloquio con la storica dell'Europa orientale Julia Richers.

SERIE: ANARCHICI IN SVIZZERA / 7 Una ventata di terrorismo russo raggiunge anche Zurigo

Colpi d'arma da fuoco davanti alla caserma della polizia e quattro uomini sconosciuti riescono a fuggire. Un giallo del 1907.

Diplomazia svizzera in Mozambico "L'unica cosa su cui tutti sono d'accordo è il trattato di pace"

L'ex ambasciatore svizzero Mirko Manzoni dovrà contribuire, in qualità di inviato dell'ONU in Mozambico, alla realizzazione del "suo" accordo di pace.

Comitato costituzionale Il vertice di Ginevra potrà spalancare la porta alla pace in Siria?

Ginevra ospita una riunione che dovrebbe gettare le basi per una risoluzione del conflitto in Siria. Ecco gli aspetti essenziali dell'incontro.

Guerra fredda Il libretto rosso degli svizzeri

Cinquant'anni fa usciva il libro "Difesa civile", promosso dal governo svizzero. L'opera, nata nel clima anticomunista del secondo dopoguerra, ...

GUERRA FREDDA Il libro svizzero sulla difesa civile in Giappone

Il libro dal titolo 'Difesa civile' era stato pensato per la popolazione svizzera. È però stato soprattutto in Giappone cha ha raccolto successo.

Rimesse degli emigranti Cosa farebbe il Kosovo senza la diaspora?

Cosa succederebbe al Kosovo se i suoi emigranti di etnia albanese in Svizzera smettessero di mandare soldi a casa? Costoro da decenni sostengono i ...

25° anniversario Sulla strage del Tempio Solare aleggiano ancora misteri

Il 5 ottobre 1994, la Svizzera fu scossa da una notizia rabbrividente: c'era stato un suicidio collettivo con decine di morti in seno a una setta.

Guerra fredda in Svizzera La paura del comunismo che trasformò gli svizzeri in spie

La guerra fredda in Svizzera ebbe luogo nella testa della gente. La paura del comunismo sovietico dominava l'immaginario collettivo.