Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

In occasione della conferenza sull'Afghanistan, tenutasi fra ieri e oggi a Bruxelles, la Svizzera ha rinnovato il proprio impegno per una collaborazione a lungo termine con il Paese asiatico.

La Confederazione porterà avanti la cooperazione con un contributo di circa 26 milioni di franchi all'anno fino al 2020, ha detto il capo della delegazione elvetica, l'ambasciatore Thomas Greminger, citato in una nota odierna del Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE).

Il programma svizzero si focalizza in particolare su due ambiti tra loro correlati: il buon governo, inclusi i diritti umani, e lo sviluppo socioeconomico sostenibile.

Riguardo alla situazione umanitaria attuale, Berna ha espresso preoccupazione per il drammatico e rapido ritorno, negli scorsi mesi, di centinaia di migliaia di cittadini afghani dai Paesi limitrofi. Per far fronte ai bisogni urgenti di queste persone la Svizzera, in aggiunta al programma presentato a Bruxelles, sta valutando la possibilità di predisporre stanziamenti nel breve periodo per fornire assistenza umanitaria.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS