Tutte le notizie in breve

Disordini sono scoppiati ieri sera a Berna al termine della quarta partita della finale del campionato di hockey tra la squadra di casa e l'HC Lugano, conclusasi con un 2 a 1. Almeno otto persone sono rimaste ferite.

All'uscita dello stadio le due tifoserie si sono scontrate con cazzotti e lanci di oggetti contundenti; mentre prima e durante la partita la situazione è rimasta piuttosto tranquilla, precisa oggi la polizia cantonale in una nota.

Le cose sono degenerate al fischio finale, giunto dopo l'overtime: i due schieramenti hanno iniziato ad insultarsi pesantemente. Poi, dopo che un petardo è scoppiato nel settore della tifoseria luganese, la situazione è precipitata, con i supporter bernesi che hanno iniziato a lanciare oggetti vari oltre la barriera di protezione.

I servizi di sicurezza dello stadio bernese sono riusciti ad evitare lo scontro diretto all'interno della struttura ed hanno fatto uscire le tifoserie dalle gradinate.

All'esterno del palazzetto del ghiaccio le due fazioni si sono scontrate: a questo punto è intervenuta la polizia che ha fatto ricorso a spray al pepe. Infine i supporter dell'HC Lugano hanno riguadagnato i pullman e sono partiti verso l'autostrada, scortati da alcune autopattuglie.

Nel corso dei disordini sono rimaste ferite almeno otto persone e si lamentano danni materiali allo stadio. È stata avviata un'inchiesta e gli inquirenti sono alla ricerca di testimoni.

sda-ats

 Tutte le notizie in breve