Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La polizia cantonale argoviese ha vietato un incontro pubblico a Spreitenbach del deputato turco Hursit Yildirim, vicino al presidente Recep Tayyip Erdogan.

KEYSTONE/ENNIO LEANZA

(sda-ats)

Un incontro pubblico del deputato turco Hursit Yildirim previsto questa sera a Spreitenbach (AG) è stato annullato. La polizia cantonale argoviese ha deciso di non autorizzare la manifestazione per motivi di sicurezza.

Dopo un'esame della situazione, la polizia è arrivata alla conclusione che esistono importanti rischi legati alla sicurezza, scrive oggi in una nota il Dipartimento argoviese dell'economia e dell'interno. Gli organizzatori sono stati informati, precisa la nota.

Yildirim è vicepresidente a Istanbul del partito islamico Akp del presidente Recep Tayyip Erdogan. Organizzatrice della manifestazione era l'Unione dei democratici turchi europei, legata all'Akp, che inizialmente prevedeva di organizzare una "festa" in un centro di quartiere a Zurigo. Festa che oggi è stata vietata dalle autorità della città sulla Limmat, proprietaria della struttura.

Ieri l'Hotel Hilton di Opfikon (ZH), nelle vicinanze dell'aeroporto di Zurigo, aveva deciso di annullare, sempre per motivi di sicurezza, una manifestazione in programma domenica in presenza del ministro turco degli esteri Mevlüt Cavusoglu.

Il Consiglio di Stato del Canton Zurigo aveva invitato il Consiglio federale ad annullare la visita di Cavusoglu, per motivi di sicurezza legati alla campagna per il referendum del 16 aprile sull'introduzione in Turchia della contestata riforma costituzionale che assegnerà maggiori poteri a Erdogan.

Il Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE) ha però risposto che la visita del ministro turco "non rappresenta una minaccia particolarmente elevata per la sicurezza interna della Svizzera". Il DFAE sottolinea l'importanza della libertà di espressione e ritiene che non "sussistono elementi per giustificare un divieto della visita".

Ancora non si hanno notizie sulla ricerca di un luogo alternativo dove si potrebbe tenere la visita del ministro turco, che a Zurigo vorrebbe incontrare il console generale turco, responsabile per la Svizzera e l'Austria, e parlare con membri della comunità turca che risiedono nella Confederazione.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS