Tutte le notizie in breve

Alexander Van der Bellen

KEYSTONE/APA/ROLAND SCHLAGER

(sda-ats)

Nelle elezioni presidenziali austriache di domenica, alla fine, Alexander Van der Bellen, il professore universitario 72enne, ha battuto dopo un lungo testa a testa il suo rivale, Norbert Hofer, di 27 anni più giovane.

Al fotofinish si è imposto con il 50,3% dei consensi, ovvero con un vantaggio di 31'000 voti. Uno scarto minimo, ma ben più ampio dei 3000 voti previsti dagli exit polls.

"Da presidente mi metterò al servizio di tutti gli austriaci. Inizierò da subito a riconquistare la fiducia degli elettori di Norbert Hofer, al quale va il mio rispetto", ha detto il presidente designato, che, in perfetto stile americano, si è presentato alle telecamere su un prato verde davanti allo storico palais Schönburg.

Van der Bellen, che giurerà l'8 luglio prossimo, ha ricordato che "si è parlato molto di polarizzazione, ma Hofer ed io siamo semplicemente le due metà che assieme formano questo grande Paese. Nessuna di queste due metà è più oppure meno importante dell'altra".

Il nuovo inquilino della Hofburg ha invitato la politica a trarre le conseguenze di questa tornata elettorale, di occuparsi dei "veri problemi del Paese" e di ascoltare "anche chi è pieno di rabbia". Van der Bellen vuole essere "l'apriporta dell'Austria all'estero per l'economia e per creare nuovi posti di lavoro". Per essere "un presidente veramente super partes" si è da subito sospeso dai Verdi.

Le presidenziali austriache - che hanno attirato l'attenzione dei media di tutto il mondo, come non era capitato dall'elezione di Kurt Waldheim nel 1986 - hanno rotto un tabù, ovvero il bipolarismo tra socialdemocratici e popolari, che caratterizzava la politica austriaca dal dopo guerra. Circa 4,6 milioni di austriaci si sono recati alle urne per dare il loro voto, in quasi perfetta parità, a due candidati di partiti d'opposizione.

In Austria si parla già di nuovi scenari politici. Con l'elezione di Van der Bellen i Verdi sono definitivamente usciti dall'isolamento, nel quale erano stati da sempre spinti da Spö e Övp. In un futuro parlamento, con una Fpö ultranazionalista forse addirittura primo partito, per i due partiti di governo gli ecologisti potrebbero diventare l'ago della bilancia. Un loro ingresso in maggioranza diventerebbe così il prezzo da pagare per evitare un cancelliere ultranazionalista come Heinz Christian Strache.

Paradossalmente per il leader della Fpö questa tornata elettorale potrebbe segnare addirittura l'inizio della sua discesa. Alle prossime politiche, al più tardi nel 2018, il candidato premier potrebbe, infatti, non chiamarsi Strache, ma Hofer, che ha dimostrato di saper mobilitare, con i suoi toni più pacati, anche gli elettori moderati.

I due potrebbero dividersi i ruoli, come il poliziotto cattivo e quello buono, ma Strache ha dimostrato in passato, spodestando all'epoca addirittura il suo 'padrè politico Jörg Haider, di non amare il gioco a due punte.

Nel frattempo, il governo non può perdere altro tempo e così il neo cancelliere Christian Kern ha porto la mano agli elettori di Hofer. "Queste elezioni - ha detto - hanno un vincitore, ma certamente non hanno sconfitti".

Anche il suo vice Reinhold Mitterlehner dei popolari ha invitato tutti "a porre in primo piano le cose che uniscono e non quelle che dividono". "Il governo - ha aggiunto - ha capito il messaggio. Ci giochiamo il futuro dell'Austria".

L'onda ultranazionalista, arrivata dalla Polonia e dall'Ungheria, si è fermata davanti alle porte di Vienna, almeno per il momento.

sda-ats

 Tutte le notizie in breve