Tutte le notizie in breve

Ritirata ufficialmente la domanda di adesione.

KEYSTONE/ELISABETHA GUENTHARD

(sda-ats)

Il Consiglio federale ha inviato ieri a Bruxelles una lettera in cui annuncia ufficialmente il ritiro della richiesta di adesione all'Unione europea (Ue) risalente al 1992.

Il gesto è stato effettuato su richiesta delle Camere che hanno dato seguito in giugno a una mozione in proposito del consigliere nazionale Lukas Reimann (UDC/SG) .

Nella missiva il governo scrive che "la richiesta d'adesione è da considerarsi nulla". Allo stesso tempo si sottolinea la volontà di "proseguire e sviluppare la collaborazione con l'Ue attraverso la via degli accordi bilaterali". La lettera è firmata dal presidente della Confederazione Johann Schneider-Ammann e dal cancelliere Walter Thurnherr.

L'invio della domanda di adesione era stato annunciato il 20 maggio 1992. Il governo di allora chiedeva di trattare per un'entrata della Svizzera nella Comunità economica europea (CEE). Il 6 dicembre dello stesso anno i cittadini elvetici avevano però respinto l'adesione allo Spazio economico europeo (SEE), comprendente gli allora dodici Paesi della CEE e quelli dell'Associazione svizzera di libero scambio (AELS).

sda-ats

 Tutte le notizie in breve