Tutte le notizie in breve

Stava giocando con il figlio di un anno e mezzo e i due cani nella piscina di plastica del giardino di casa, una villa a Mascalucia, alle falde dell'Etna, quando i molossi all'improvviso hanno aggredito il bimbo azzannandolo alla gola e all'addome.

Attimi drammatici durante i quali la mamma, una donna di 34 anni, ha tentato in tutti i modi di strappare il piccolo dalla furia dei due mastini rimanendo anche ferita a un braccio. Quando è riuscita finalmente a rinchiuderli in casa e ha chiesto aiuto disperata ai vicini di casa il bimbo era ridotto a una maschera di sangue.

I soccorsi sono scattati immediatamente, sul posto sono giunti un'ambulanza e un elicottero del 118 che ha trasportato d'urgenza mamma e figlio nell'ospedale Cannizzaro di Catania. Ma non c'è stato nulla da fare: i medici hanno potuto soltanto constatare il decesso del piccolo, che è stato trasferito all'obitorio.

La donna, che è ancora in stato di choc, è stata medicata al braccio; le sue condizioni fortunatamente non sono gravi. Il papà del bimbo, un operaio di 32 anni, al momento della tragedia era al lavoro.

La coppia si era trasferita da qualche tempo nella villa che si trova quasi al confine con il vicino comune di Nicolosi insieme al figlio di un anno e mezzo e ai due cani, che hanno tre e otto anni e sono regolarmente denunciati all'anagrafe canina e dotati di microchip.

sda-ats

 Tutte le notizie in breve