Tutte le notizie in breve

Cuffie per telefonare (archivio)

KEYSTONE/GAETAN BALLY

(sda-ats)

Ignoti, che si presentavano come operatori finanziari, hanno realizzato una truffa da 1,5 milioni di franchi nel cantone di Basilea Campagna. Proponendo per telefono investimenti con forti rendimenti, hanno abbindolato diverse persone, tra cui un esperto bancario.

Una persona ha perso 600'000 franchi e alcune vittime si sono indebitate per usufruire dei forti interessi offerti, riferisce un comunicato odierno della procura cantonale.

Gli imbroglioni parlavano tedesco e inglese, padroneggiavano il "vocabolario bancario" e agivano in maniera molto professionale, con tutte le nozioni tecniche necessarie, aggiunge la nota.

Dopo aver contattato le vittime per telefono, i truffatori le convincevano a eseguire versamenti di denaro su conti bancari esteri. In seguito, per posta elettronica o fax, trasmettevano falsi attestazioni di investimenti o di rendite.

Gli imbroglioni avevano anche creato pagine internet, con cui si potevano controllare i presunti investimenti e i conseguenti proventi. Dopo una certa titubanza iniziale, spesso le vittime erano disposte a versare altre somme nettamente più consistenti. Inoltre, adducendo l'insorgere di problemi, gli impostori richiedevano a volte pagamenti supplementari.

Il ministero pubblico di Basilea Campagna, che negli scorsi mesi ha indagato su alcuni casi, ritiene estremamente difficile riuscire a trovare gli autori della truffa, ha detto all'ats un portavoce della procura. Essi agivano sotto falsa identità e tramite società estere fittizie con numeri telefonici falsificati. E se anche si riuscisse a risalire agli impostori, il bottino della truffa di solito non è più rintracciato.

sda-ats

 Tutte le notizie in breve