Tutte le notizie in breve

Fiori di loto sui fianchi, mucche sul braccio e scimmie sul collo: la passione per i tatuaggi era già ben presente nell'antico Egitto, come dimostrano i disegni ben conservati che ricoprono e decorano la mummia di una donna di oltre tremila anni fa.

Si tratta della prima mummia dell'Egitto dinastico a rappresentare 'oggetti' concreti e veri. La scoperta, descritta sula rivista Nature, si deve ad Anne Austin, dell'università di Stanford.

Gli altri pochi casi documentati di mummie egizie con tatuaggi mostrano disegni 'sportivi', principalmente fatti di puntini e trattini. In questo caso si tratta di simboli sacri che servivano a mostrare e aumentare i poteri religiosi della donna, come i tatuaggi dell'occhio della dea Wadjet, simboli di protezione contro il male, disegnati su collo, spalle e schiena.

L'archeologa ha scoperto i tatuaggi mentre stava esaminando mummie nel villaggio di Deir el-medina, dove una volta vivevano gli antichi artigiani che lavorano alle tombe delle Valle dei Re. Studiando un busto senza testa e braccia, risalente al 1300-1070 a.C., Austin ha visto dei delle striature sul collo. All'inizio ha pensato che fossero dipinte sopra, ma poi ha realizzato che erano dei veri tatuaggi.

Con l'aiuto di luce e sensori a infrarossi, è riuscita a vederne più di 30, alcuni scuritisi parecchio per via delle resine usate nel processo di mummificazione, e invisibili a occhio nudo. I disegni identificati hanno un significato religioso, come le mucche, associate alla dea Hathor (dea dell'amore e madre universale), mentre i simboli su gola e braccia dovevano conferire alla donna dei poteri magici quando cantava o suonava per la dea Hathor.

Secondo l'egittologa Emily Teeter, i tatuaggi potevano essere anche una pubblica espressione della devozione della donna. Alcuni tatuaggi sono più sbiaditi di altri, il che potrebbe indicare che sono stati fatti in momenti diversi e che lo status religioso della donna è cresciuto col tempo. Austin ha trovato altre tre mummie tatuate, sempre a Deir el-Medina, e spera di scoprire altri dati interessanti

sda-ats

 Tutte le notizie in breve