Tutte le notizie in breve

Avvio in negativo oggi per la Borsa svizzera. Verso le 9:20 l'indice dei valori SMI cede l'1,88% a 7'661,11 punti e quello allargato SPI l'1,50% a 8'191,99 punti.

In attesa della pubblicazione del dato sulla disoccupazione negli Usa e di altri indicatori congiunturali gli investitori si mostrano prudenti.

Apertura in flessione anche per le principali piazze europee: a Francoforte il Dax perde l'1,33% a 9'832,56 punti, a Parigi il Cac 40 cede l'1,23% a 4'331,28 punti, a Londra il Ftse 100 registra un -1,14% a 6'104,12 punti e a Milano il Ftse Mib arretra dell'1,41% a 17'856 punti.

La Borsa di Tokyo ha terminato gli scambi in calo del 3,55%, con il Nikkei che ha ceduto 594 punti assestandosi a quota 16'164,16. Il progressivo rafforzamento dello yen sul biglietto verde e l'ulteriore segnale negativo della sfiducia delle aziende nipponiche, ai minimi in 3 anni, comunicato questa mattina dall'indice Tankan, non hanno incoraggiato l'investimento sulla piazza nipponica.

Chiusura debole, ieri, per la Borsa di Wall Street con l'indice Dow Jones che ha ceduto lo 0,18% a 17'685 punti, mentre il Nasdaq ha segnato un +0,01% a 4'869,85 punti e l'indice S&P 500 ha lasciato sul terreno lo 0,20% a 2'059,74 punti.

sda-ats

 Tutte le notizie in breve