Tutte le notizie in breve

La borsa svizzera termina la settimana con una seduta in rialzo. L'indice dei valori guida SMI ha chiuso a 8037,94 punti, in progressione dello 0,93% rispetto a ieri, mentre il listino globale SPI ha guadagnato lo 0,96% a 8674,36 punti.

Il mercato si era inizialmente orientato al ribasso, influenzato dal nuovo calo del prezzo del petrolio, dal clima di incertezza legato alla Brexit e dalle incognite relative alle banche in Italia. Nel pomeriggio il vento è però completamente cambiato con la pubblicazione di dati sorprendentemente buoni relativi all'impiego negli Usa.

La più grande economia mondiale sembra quindi stare bene, ma secondo la maggioranza gli esperti la situazione globale non è ancora tale da permettere alla Federal Reserve di aumentare i tassi di interesse. Il quadro di fondo per le azioni è quindi favorevole.

Gli ultimi dati sul lavoro Usa hanno messo le ali ad Adecco (+3,98% a 49,13 franchi), reduce da diversi giorni difficili. Fra i valori più sensibili ai cicli economici si è mossa bene anche LafargeHolcim (+3,11% a 40,80 franchi), seguita a distanza da ABB (+1,85% a 19,30 franchi) e Geberit (+1,19% a 364,60 franchi). Un commento negativo di Morgan Stanley ha parzialmente messo in difficoltà il segmento del lusso, con Richemont (invariata a 55,45 franchi) meno tonica di Swatch (+0,50% a 279,00 franchi).

Con accenti diversi hanno chiuso i bancari UBS (+0,08% a 12,01 franchi), Credit Suisse (+1,89% a 10,23 franchi) - che si allontana così ulteriormente dalla soglia psicologica dei 10 franchi - e Julius Bär (+2,49% a 37,94 franchi). Nel comparto assicurativo hanno accelerato Swiss Re (+1,24% a 81,60 franchi) e Zurich (+0,57% a 228,90 franchi), mentre ha arrancato Swiss Life (-0,19% a 211,50 ).

Fra i pesi massimi difensivi Nestlé (+0,91% a 77,30 franchi) - favorita da una raccomandazione di Barclays - è salita ai massimi dell'anno. Buono è stato anche il movimento di Novartis (+0,94% a 80,80 franchi) e Roche (+0,63% a 254,50 franchi).

Completano il quadro delle blue chip Actelion (+0,24% a 167,70 franchi), Givaudan (+1,95% a 2034,00 franchi), SGS (+1,31% a 2240,00 franchi), Swisscom (+0,66% a 474,70 franchi) e Syngenta (+0,54% a 369,54 franchi).

Nel mercato allargato Sulzer (+1,99% a 89,65 franchi) ha annunciato un importante ordinativo dal gruppo francese EDF. Conzzeta (+0,65% a 619,00 franchi) ha nominato un nuovo CEO per il suo marchio Mammut. Ypsomed (+9,96% a 197,70 franchi) ha beneficiato di un cambiamento di obiettivo di corso da parte di Credit Suisse.

sda-ats

 Tutte le notizie in breve