Tutte le notizie in breve

La Borsa svizzera, dopo un avvio positivo, ha vissuto oggi una giornata improntata al leggero ribasso. Al termine delle contrattazioni l'indice guida SMI cedeva lo 0,33% a 8.159,67 punti e quello allargato SPI lo 0,44% a 8.727,27 punti.

Oggi il Consiglio Direttivo della Bce ha lasciato invariati i tassi di riferimento dopo gli interventi operati lo scorso 10 marzo. Il tasso di riferimento principale resta così allo 0% mentre quello di rifinanziamento marginale rimane a 0,25%. Sempre negativo, infine, il tasso sui depositi, che resta a -0,40%. Negli Stati Uniti i nuovi sussidi settimanali di disoccupazione sono scesi a 247 mila unità, il livello più basso dal 1973.

La giornata non ha sorriso ai titoli più legati al prodotti di lusso. Swatch ha ceduto il 3,02% a 334,10 franchi e Richemont l'1,88% a 65,40 franchi. Le esportazioni di orologi hanno accusato in marzo una flessione del 16,1% su base annua, a 1,5 miliardi di franchi. Si tratta del nono calo mensile consecutivo e del peggior risultato da marzo 2011.

Il titolo più premiato oggi è stato quello di Actelion (+3,33% a 158,30 franchi). Nel primo trimestre ha registrato un fatturato di 589 milioni di franchi in crescita su base annua del 14%. Contrastati i bancari: Credit Suisse ha lasciato sul terreno lo 0,07% a 15,22 franchi, UBS lo 0,86% a 16,06 franchi, mentre Julius Baer ha guadagnato lo 0,02% portandosi a 40,86 franchi. Tra gli assicurativi Zurich Insurance ha ceduto lo 0,14% a 217,30 franchi, Swiss Re lo 0,90% a 93,75 franchi e Swiss life lo 0,89% a 255,80 franchi.

Per quanto riguarda i pesi massimi difensivi, Novartis, che oggi ha annunciato di avere realizzato nel primo trimestre del 2016 un fatturato di 11,6 miliardi di dollari, in contrazione del 3% su base annua, ha guadagnato lo 0,68% a 74,55 franchi. In ribasso invece Roche (-0,16% a 253,20 franchi) e Nestlé (-0,68% a 73,35 franchi).

Tra i titoli più legati alla congiuntura, ABB, dopo il forte aumento di ieri, ha messo a segno un semplice +0,05% a 20,29 franchi. Hanno invece chiuso col segno negativo Adecco (-1,13% a 65,65 franchi), Geberit (-0,76% a 354,90 franchi), ma soprattutto LafargeHolcim (-2,2% a 49,34 franchi).

Sul mercato allargato c'è da segnalare il rialzo di Sulzer (+5,10% a 87,60 franchi) malgrado abbia registrato un calo delle nuove commesse del 14,5% a 684,6 milioni di franchi nel primo trimestre del 2016. Tale risultato non ha però deluso gli operatori di borsa.

Panalpina ha ceduto l'1,23% a 104,7 franchi. Il gruppo ha registrato nel primo trimestre un calo dell'utile dell'11,7% su base annua, a 17,3 milioni di franchi. In discesa anche il fatturato: del 13,1% a 1,3 miliardi.

Infine, Inficom ha perso lo 0,63% a 316,75 franchi. Nel primo trimestre dell'anno, lo specialista sangallese di strumenti di misurazione ha migliorato le sue vendite del 4,8% a 69,7 milioni di dollari (67 milioni di franchi) rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente. L'utile netto ha registrato un balzo in avanti di quasi il 39,2% a 7,1 milioni di dollari (6,8 milioni di franchi).

sda-ats

 Tutte le notizie in breve