Tutte le notizie in breve

Partita in positivo la Borsa svizzera ha continuato a muoversi al di sopra della linea di demarcazione per tutta la mattinata. Verso le 11:30 l'indice dei valori guida SMI progrediva dello 0,56% a 8'172,53 punti e quello allargato SPI dello 0,54% a 8'894,44 punti .

Dagli Stati Uniti e dall'Asia non giungono stimoli particolari. La settimana sarà caratterizzata da risultati intermedi di diverse società ma solo sul mercato allargato. Con grande attenzione sarà seguita da giovedì la conferenza delle banche centrali a Jackson Hole. Venerdì sono attese le dichiarazioni della presidente della Fed Janet Yellen che potrebbe fornire indicazioni sul momento del prossimo rialzo dei tassi.

Tra le blue chip a mettersi in evidenza è Syngenta che avanza dell'11,19%, dopo che un'importante autorità americana ha dato il via libera all'acquisizione del gruppo agrochimico basilese da parte del colosso statale cinese ChemChina.

Bene gli assicurativi con guadagni superiori all'1%: Zurich Insurance cresce dell'1,07%, Swiss Re dell'1,37% e Swiss Life Holding dell'1,26%.

A parte Nestlé che cede lo 0,76%, gli altri due pesi massimi difensivi Roche e Novartis segnano rispettivamente un incremento dello 0,58% e dello 0,32%.

Per quanto riguarda i bancari, CS Group avanza dell'1,14%, seguito da UBS (+0,70%), mentre in leggero calo appare Julius Bär (-0,08%).

Tra titoli più sensibili alla congiuntura ABB sale dello 0,80%, Adecco dell'1,54% e LafargeHolcim dell'1%. In perdita Geberit che scende dello 0,12%.

sda-ats

 Tutte le notizie in breve