Tutte le notizie in breve

La mattinata prosegue in rialzo alla borsa svizzera: alle 11.15 l'indice dei valori guida SMI segnava 7964,04 punti, in progressione dello 0,83% rispetto a ieri, mentre il listino globale SPI guadagnava lo 0,91% a 8595,26 punti.

Stando agli operatori dopo tre sedute negative il mercato era maturo per un rimbalzo di natura tecnica. I corsi sono inoltre sostenuti dal recupero del prezzo del petrolio e dalla pubblicazione dei verbali dell'ultima seduta dalla Federal Reserve, che sembrano allontanare la prospettiva di un aumento dei tassi ancora quest'anno.

Per quanto riguarda i singoli titoli spicca il buon andamento dei bancari UBS (+1,76%), Credit Suisse (+2,07%) e Julius Bär (+1,82%), reduci da giornate assai travagliate. Nello stesso comparto finanziario sono un po' meno tonici gli assicurativi Zurich (+0,53%), Swiss Life (+0,19%) e Swiss Re (+0,93%).

Bene orientati sono i valori più sensibili ai cicli economici come ABB (+1,44%), Adecco (+1,68%), Geberit (+1,24%) e LafargeHolcim (+2,55%). Nel segmento del lusso Swatch (+1,90%) si muove in linea con Richemont (+2,10%). Arretra per contro Syngenta (-0,62%). Svolgono una funzione di traino i pesi massimi difensivi Nestlé (+0,73%), Novartis (+0,94%) e Roche (+1,03%).

Nel mercato allargato occhi puntati su Meyer Burger (+16,06%), che ha annunciato risultati semestrali provvisori assai soddisfacenti. Barry Callebaut (+1,87%) ha presentato il dato delle vendite nei primi nove mesi dell'esercizio 2015/2016 e ha confermato gli obiettivi a medio termine. In evidenza anche Leonteq (+4,32%) grazie all'assunzione di una quota del 3,22% da parte di Veraison. Il gruppo cinese HNA ha dichiarato riuscita l'offerta pubblica di acquisto su Gategroup (+2,25%).

sda-ats

 Tutte le notizie in breve