Tutte le notizie in breve

La borsa svizzera sembra voler prendere vigore con il trascorrere delle ore: alle 11.30 l'indice dei valori guida SMI segnava 7831,72 punti, in progressione dell'1,24% rispetto a venerdì, mentre il listino globale SPI guadagnava l'1,11% a 8462,19 punti.

Il mercato, che la settimana scorsa ha perso circa il 3% nel corso di sole quattro sedute, cerca oggi il rimbalzo, favorito da impulsi positivi provenienti dagli Usa. Il rapporto sul mercato del lavoro americano, seppur non entusiasmante, si è rivelato positivo sotto alcuni aspetti e Wall Street venerdì ha guadagnato terreno dopo la fine delle contrattazioni sul vecchio continente.

In Svizzera per l'andamento dei corsi di questa settimana saranno fondamentali i risultati aziendali: un quarto delle imprese SMI renderà infatti pubblici i conti fra domani e giovedì.

Vi è molta attesa per esempio per i risultati di Credit Suisse (-0,82%), che giungeranno domani. Oggi il titolo arranca dietro a quelli di UBS (+1,39%) e Julius Bär (+1,52%). Gli acquisti del comparto finanziario interessano anche gli assicurativi Zurich (+1,43%), Swiss Life (+0,42%) e Swiss Re (+1,52%).

Bene orientati sono pure i valori più sensibili ai cicli economici come ABB (+0,45%), Geberit (+0,60%), Adecco (+2,38%) - domani il bilancio dopo tre mesi - e LafargeHolcim (+0,32%). Nel segmento del lusso Swatch (+1,50%) appare più tonica di Richemont (+0,90%).

Svolgono una funzione di traino i pesi massimi difensivi Nestlé (+0,85%), Novartis (+1,27%) e Roche (+1,88%).

Nel mercato allargato balzo di Lastminute.com (+8,38%), che ha fornito previsioni sull'utile operativo per l'insieme dell'esercizio. Bene accolto è stato anche l'annuncio di Galenica (+2,32%) riguardante un accordo di licenza con un'azienda americana per la commercializzazione del farmaco Rayaldee.

sda-ats

 Tutte le notizie in breve