Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La borsa svizzera è sempre orientata al ribasso: alle 15.15 l'indice dei valori guida SMI segnava 8315,13 punti, in flessione dello 0,57% rispetto a ieri, mentre il listino globale SPI perdeva lo 0,44% a 9081,80 punti.

Il mercato elvetico ha reagito poco al discorso sulla Brexit della premier britannica Theresa May. Le incertezze politiche spingono però gli investitori a non impegnarsi e ad attendere i prossimi importanti appuntamenti previsti questa settimana: giovedì la Banca centrale europea (Bce) terrà la sua prima riunione di politica monetaria dell'anno, mentre venerdì è previsto l'insediamento del nuovo presidente americano Donald Trump.

In ambito congiunturale l'indice Zew in Germania, che misura le aspettative di investitori e analisti, è salito in gennaio, ma meno del previsto.

Sul fronte interno oggi i riflettori sono puntati su Geberit (+2,41%), che ha reso noto un dato sul fatturato 2016 superiore alle aspettative. Meno ispirati sono altri valori particolarmente sensibili ai cicli economici come ABB (-0,31%), Adecco (-0,50%) e LafargeHolcim (-0,48%). Nel segmento del lusso Richemont (-0,39%), favorita da un giudizio di Berenberg, si difende un po' meglio di Swatch (-1,00%).

Marciano sul posto i bancari UBS (+0,06%) e Credit Suisse (invariata), mentre avanza Julius Bär (+0,46%). Non hanno un andamento univoco gli assicurativi Zurich (-1,03%), Swiss Life (+0,24%) e Swiss Re (-0,80%).

SGS (-2,01%) soffre per un cambiamento di raccomandazione da parte di Credit Suisse. Givaudan (-0,77%) ha annunciato l'acquisizione di una società di Bienne (BE).

Sopra la parità Roche (+0,04%), mentre non sfuggono alla tendenza generale gli altri due pesi massimi difensivi, Nestlé (-1,22%) e Novartis (-0,76%). Completano il quadro delle blue chip Actelion (-0,48%), Swisscom (-0,57%) e Syngenta (-0,05%).

Nel mercato allargato hanno informato sull'andamento degli affari Autoneum (-0,87%), Komax (+2,00%), Lindt&Sprüngli (PS +6,08%) e Cicor (+12,67%).

SDA-ATS