Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La borsa svizzera si conferma in rialzo in mattinata: alle 11.15 l'indice dei valori guida SMI segnava 8158,65 punti, in progressione dello 0,24% rispetto a venerdì, mentre il listino globale SPI guadagnava lo 0,22% a 8903,01 punti.

Il mercato è favorito dagli impulsi positivi provenienti dagli Usa e e dai mercati asiatici. La prospettiva di un possibile accordo per una multa di "solo" 5,4 miliardi di dollari per Deutsche Bank stimola i bancari UBS (+0,68%) e Credit Suisse (+1,49%). Nello stesso comparto finanziario si muovono bene anche gli assicurativi Zurich (+0,40%) e Swiss Life (+0,16%), mentre arranca Swiss Re (-0,51%).

Fra i valori più sensibili alla congiuntura bene orientati sono Adecco (+0,55%), ABB (+0,60%) - che tiene domani la giornata degli investitori - e Geberit (+0,42%): più in difficoltà è LafargeHolcim (-0,10%). Negativo si presenta il segmento del lusso, con Swatch (-0,69%) maggiormente in affanno di Richemont (-0,25%) a causa di un giudizio negativo di Credit Suisse.

Svolge una funzione di traino Roche (+0,33%), mentre praticamente fermi al palo rimangono gli altri due pesi massimi difensivi, Nestlé (+0,13%) e Novartis (+0,13%). SGS (-0,69%) ha effettuato un'acquisizione in Olanda.

Nel mercato allargato occhi puntati su Temenos (+7,35%), che ha ricevuto un importante ordinativo. Accu Holding (-43,64%) è tornata ad essere negoziata dopo due mesi di interruzione, dovuta al fatto che la società non aveva presentato il bilancio 2015.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS