Tutte le notizie in breve

La Borsa svizzera ha avviato la seduta odierna in flessione: alle 09.15 l'SMI cede lo 0,51% a 8'263.24 punti, l'SPI lo 0,49% a 8'989.18 punti. Tra le blue chip subito in evidenza Geberit (+4,61%), che ha pubblicato oggi risultati semestrali superiori alle attese.

Partenza negativa anche per le principali piazze europee, con il FTSE 100 di Londra che nei primi scambi perdeva lo 0,4% a 6.913 punti, il DAX di Francoforte che scendeva dello 0,68% a 10.666 punti, il CAC 40 di Parigi in ribasso dello 0,48% a 4.476 punti e il FTSE Mib di Milano che cedeva lo 0,42% a 16.926 punti.

Stamani la Borsa di Tokyo ha terminato le contrattazioni in netto calo: l'indice Nikkei ha lasciato sul terreno l'1,62% a 16.596,51 punti sulla scia del rafforzamento dello yen.

Sulla spinta dell'aumento dei corsi petroliferi Wall Street ha invece chiuso ieri sera con tutti e tre i principali listini che hanno nuovamente ritoccato al rialzo i precedenti record. Il Dow Jones ha guadagnato lo 0,32% a quota 18.636,05; lo S&P 500 è cresciuto dello 0,28 a 2.190,15 punti; ancora meglio ha fatto il Nasdaq che ha registrato un progresso dello 0,56% a 5.262,02 punti.

sda-ats

 Tutte le notizie in breve