Tutte le notizie in breve

La Borsa svizzera ha avviato le contrattazioni in ribasso, con l'indice SMI dei titoli guida che dopo i primi scambi segna una flessione dello 0,62% a quota 8'026.48 mentre l'indice globale SPI cede lo 0,48% a 8'703.42 punti.

Pesano sui listini soprattutto i finanziari - CS Group (-1,59%), UBS (-1,41%) e Julius Bär (-0,96%) - e il comparto del lusso - Richemont -1,32% e Swatch Group -1,22%. In forte calo anche Lafargeholcim (-1,56%).

Tra le principali Borse europee Londra cede in apertura lo 0,60% (Ftse 100 a 6.194 punti), Parigi lo 0,34% (Cac 40 a 4.390 punti), Francoforte lo 0,64% (Dax a 10.024 punti) e Milano lo 0,39% (Ftse Mib a 17.693 punti).

Cauta l'ultima seduta della settimana nelle borse dell'area Asia-Pacifico: i mercati guardano ai meeting della Fed e della Banca del Giappone la prossima settimana e al potenziale rischio sistemico legato al referendum sulla Brexit la settimana successiva. La Borsa di Tokyo ha terminato le contrattazioni in flessione dello 0,40%, con l'indice Nikkei a quota 16'601,36.

Chiusura in calo ieri sera per Wall Street, col Dow Jones che ha perso lo 0,11% a 17.985,60 punti e il Nasdaq lo 0,32% a 4.958,62 punti. È finito in territorio negativo anche l'indice S&P500 che ha ceduto lo 0,17% a 2.115,54 punti.

sda-ats

 Tutte le notizie in breve