Tutte le notizie in breve

La giornata prosegue in rosso per la borsa svizzera: alle 15.25 l'indice dei valori guida SMI segnava 7624,64 punti, in flessione dello 0,71% rispetto a ieri, mentre il listino globale SPI perdeva lo 0,73% a 8270,41 punti.

Il mercato conferma il trend negativo delle ultime sedute, ad eccezione di ieri, sulla scia dei timori per una possibile Brexit.

Sul listino elvetico pesano in particolare i bancari. Nel suo rapporto sulla stabilità finanziaria, la BNS afferma che UBS e Credit Suisse hanno migliorato negli ultimi dodici mesi la loro quota di fondi propri, ma non basta: i due maggiori istituti di credito devono prendere altre misure.

Soffre particolarmente Credit Suisse con un calo del 2,93%, mentre la concorrente UBS contiene le perdite allo 0,89%. Hanno registrato grosse perdite LafargeHolcim (-2,57%), Adecco (-1,26%), Givaudan (-1,14%), gli assicuratori Swiss Life (-1,75%) e Swiss Re (-1,55%) nonché il lusso con Swatch (-1,61%) e Richemont (-1,41%). Nessuna blue chip era in positivo.

sda-ats

 Tutte le notizie in breve