Tutte le notizie in breve

Virata sul finale per la Borsa svizzera che dopo una seduta debole ha chiuso con l'indice SMI dei titoli guida in progresso dello 0,37% a 8'044,60 punti, mentre l'indice complessivo SPI è salito dello 0,34% a quota 8'625,08.

I mercati sono stati inizialmente depressi dal mancato accordo fra i produttori di greggio riuniti ieri a Doha, che è costato al petrolio il peggior crollo degli ultimi due mesi.

L'instabilità dei mercati azionari è stata inoltre alimentata dal terremoto verificatosi nel corso del fine settimana in Giappone: gli investitori asiatici guardano infatti preoccupati all'interruzione della produzione annunciata dalle aziende e al conseguente impatto dei danni sull'intero comparto assicurativo. Ma poi gli investitori hanno ripreso coraggio, sostenuti anche dall'andamento positivo di Wall Street, e lo SMI ha nuovamente superato la soglia psicologica degli 8'000 punti.

Sul fronte interno gli ordini di acquisto hanno interessato i titoli ciclici più esposti alle variazioni congiunturali: Adecco ha allungato il passo dell'1,09% (a 64.95 franchi) e LafargeHolcim dell'1,24% (a 49.88 franchi).

Contrastati i pesi massimi difensivi: il colosso dell'alimentare Nestlé è scivolato all'indietro dello 0,14% (a 72.60 franchi), mentre tra i farmaceutici Novartis è progredita dello 0,89% (a 73.80 franchi) e Roche dello 0,56% (a 249.50 franchi). In fase ascendente anche la società biotecnologica Actelion (+2,47% a 153.40 franchi).

Senza una chiara direzione i bancari: Credit Suisse (+0,83% a 14.54 franchi) e Ubs (+0,52% a 15.59 franchi) si sono rafforzate mentre Julius Bär (-0,27% a 40.05 franchi) non è riuscita a mantenersi a galla. In ordine sparso pure il segmento del lusso con Swatch (+0,51% a 334.80 franchi) in risalita e Richemont (-0,08% a 64.60) in leggerissima discesa.

Sul mercato allargato il titolo dell'aeroporto di Zurigo è rimasto sostanzialmente invariato (-0,06% a 886.50 franchi): stamane il gestore dell'aeroscalo ha annunciato la cessione della sua partecipazione in Bangalore International Airport, ritirandosi così completamente dal mercato indiano. OC Oerlikon, che ha operato acquisizioni in Germania, ha ceduto l'1,54% (a 9.59 franchi).

sda-ats

 Tutte le notizie in breve