Borsa svizzera vira in negativo


 Tutte le notizie in breve

La Borsa svizzera vira in negativo, con l'indice SMI dei principali titoli che in fine di mattinata segna una leggera flessione dello 0,07% a quota 8'514,40, mentre l'indice complessivo SPI scende dello 0,08% a 9'331,69 punti.

Piatte anche le altre borse europee, che si muovono attorno alla parità, mentre gli investitori guardano al discorso che il presidente degli Usa Donald Trump farà questa notte davanti al Congresso, nella speranza di ricavare indicazioni sui programmi economici della nuova amministrazione.

Sulla piazza zurighese il colosso dell'alimentare Nestlé (-0,40%) trascina i listini verso il basso, così come Roche (-0,12%), mentre Novartis a fatica si mantiene a galla (+0,06%). Di segno positivo invece i bancari: Credit Suisse sale dello 0,80%, Julius Bär dello 0,35%, mentre UBS fa segnare un più modesto +0,06%.

Appaiono dinamici pure i valori ciclici più sensibili alle variazioni congiunturali: LafargeHolcim in particolare allunga il passo dello 0,98%. Debole viceversa il segmento del lusso, con Swatch che scivola dello 0,53% e Richemont dello 0,74%.

Sul mercato allargato diverse aziende hanno presentato i risultati annuali: Oerlikon, tornata nelle cifre nere con un utile netto di 388 milioni di franchi, sta cedendo l'1,79%. La performance è risultata in linea con le attese degli analisti, che sono però rimasti delusi dai margini. Fiacca anche Arbonia (-0,60%).

SDA-ATS

 Tutte le notizie in breve