Tutte le notizie in breve

L'ex ministro brasiliano Josè Dirceu è stato condannato in primo grado a 23 anni e tre mesi di reclusione per corruzione e riciclaggio di fondi dell'azienda petrolifera statale Petrobras, nell'ambito dell'inchiesta "Lava Jato" (autolavaggio).

I legali di Dirceu, ministro nel primo governo di sinistra della storia del Brasile e braccio destro dell'ex presidente Lula, hanno già annunciato ricorso.

L'ex ministro era stato arrestato nell'agosto del 2015. "La cosa più grave è che l'ex ministro Josè Dirceu de Oliveira e Silva ha continuato a ricevere mazzette anche quando era già indagato", ha scritto nella sentenza il giudice Sergio Moro, grande accusatore di Lula e diventato paladino della lotta alla corruzione della classe politica brasiliana.

sda-ats

 Tutte le notizie in breve