Tutte le notizie in breve

Il presidente brasiliano ad interim, Michel Temer, ha annunciato le misure all'insegna dell'austerity che il suo governo presenterà al Congresso per frenare il deficit nei conti pubblici del Paese sudamericano.

Tra i provvedimenti principali figura l'anticipazione delle somme dovute dalla Bndes, la banca statale per lo sviluppo.

Tra il 2009 e il 2014, i governi di Lula prima e di Rousseff poi iniettarono oltre 500 miliardi di reais (al cambio attuale circa 140 miliardi di franchi) nella Bndes per elevare i prestiti e stimolare l'economia.

Attualmente, la banca ha fino al 2060 per rimborsare lo Stato, ma l'esecutivo di Temer vuole riavere almeno 70 miliardi reais entro i prossimi mesi.

L'obiettivo - secondo il ministro delle Finanze, Henrique Meirelles - è quello di far ottenere al Tesoro un risparmio di circa 7 miliardi l'anno.

Un'altra proposta per abbattere l'indebitamento pubblico è quella di attingere ai circa 2 miliardi di reais applicati nel Fondo sovrano istituito da Lula con le risorse provenienti dai giacimenti petroliferi del pre-sale e destinato all'istruzione.

Allo studio dell'equipe economica di Temer ci sono poi una controversa riforma delle pensioni e la creazione di un tetto per le spese del governo, incluse quelle per la sanità.

sda-ats

 Tutte le notizie in breve