Brasile: violenza a Espirito Santo, 101 morti in 6 giorni


 Tutte le notizie in breve

Resta drammatica la situazione nello Stato brasiliano di Espirito Santo (sudest), da ormai sei giorni in preda alla violenza dopo che la polizia militare locale ha deciso di incrociare le braccia per rivendicare aumenti salariali.

Il presidente del sindacato dei conducenti di Guarapari (Sintrovig), Walace Belmiro Fernaziari, è stato trovato ucciso a colpi di pistola, aumentando la lista delle vittime di omicidio da sabato scorso a oggi: 101, secondo il sindacato statale dei poliziotti civili.

Il sindacato statale dei lavoratori del trasporto stradale (Sindirodoviarios) ha intanto deciso di sospendere di nuovo la circolazione degli autobus del trasporto pubblico dopo che banditi hanno minacciato alcuni autisti e dato fuoco a diversi mezzi.

SDA-ATS

 Tutte le notizie in breve