Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La brexit avrà conseguenze per i cittadini Ue in GB?

KEYSTONE/AP/FRANK AUGSTEIN

(sda-ats)

Gli oltre tre milioni di cittadini Ue residenti in Gran Bretagna rischiano di ritrovarsi in "un limbo" di qui a un paio d'anni, a Brexit attuata, in termini di status e di diritti. Lo scrive il progressista Observer.

Il giornale richiama i timori espressi da "parlamentari e diplomatici europei" sulla scarsa efficienza del sistema britannico che regola l'immigrazione. E sullo spettro - al di là delle promesse del governo May di voler garantire i 'diritti acquisiti' in un quadro di "reciprocità'" - che si crei una situazione di caos per gente che magari vive da anni nel Paese (inclusi centinaia di migliaia di italiani).

"Nel Regno Unito - nota una delle fonti - non esiste nemmeno un registro della popolazione. In pratica e' difficile persino determinare, prima che la Brexit entri in vigore, esattamente quanti cittadini dei 27 Paesi Ue siano legalmente residenti".

Un sondaggio Opinium conferma tuttavia che una larga maggioranza di britannici, pro-Brexit compresi, vuole che gli europei già residenti sull'isola restino. E solo un 5% auspica siano messi alla porta.

SDA-ATS