Tutte le notizie in breve

Brexit: in pericolo export elvetico, Credit Suisse

Keystone/GAETAN BALLY

(sda-ats)

Il referendum britannico sulla Brexit potrebbe rallentare la ripresa economica in Svizzera a causa dell'apprezzamento del franco.

Lo indica il "monitor Svizzera" pubblicato oggi dal Credit Suisse, secondo cui a soffrire saranno in particolare i settori legati all'export.

Il primo effetto diretto toccherà i britannici, il cui potere d'acquisto è diminuito a causa del deprezzamento della sterlina. Ciò potrebbe indurli ad evitare di recarsi all'estero per le ferie. A pagarne lo scotto sarebbero anche gli albergatori svizzeri.

Quest'ultimi hanno approfittato ancora nei primi mesi dell'anno della presenza di turisti britannici. I loro pernottamenti sono risultati superiori ai mesi precedenti. Tale situazione, secondo gli economisti della banca, dovrebbe cambiare nel corso dell'anno.

Lo choc monetario dovrebbe toccare pure l'industria. Quest'ultima si era gradualmente ripresa dopo la decisione della BNS di abbandonare il tasso minimo di cambio con l'euro. Con la Brexit, questa lenta ripresa rischia di venir soffocata. A patirne sarebbero le entrate dei settori della chimica, delle macchine, dell'industria del metallo e alimentare.

L'apprezzamento del franco non è l'unico pericolo per l'economia elvetica: oltre a ciò, gli esperti temono un rallentamento della congiuntura nell'eurozona.

sda-ats

 Tutte le notizie in breve