Brexit: minacce e offese razziste a Gina Miller, nuovo arresto


 Tutte le notizie in breve

Gina Miller, la businesswoman uscita vincitrice dalla sfida legale al governo May sull'avvio della Brexit.

KEYSTONE/AP/FRANK AUGSTEIN

(sda-ats)

Un secondo uomo è stato arrestato dalla polizia nel Regno Unito con l'accusa di aver rivolto minacce online, aggravate da offese di tenore razzista, nei confronti di Gina Miller.

La businesswoman 51enne era uscita vincitrice dalla sfida legale al governo di Theresa May sull'avvio della Brexit.

Scotland Yard non ha rivelato l'identità dell'individuo, che ha 50 anni, e si trova in custodia in una stazione della Met Police nell'ovest di Londra.

In precedenza un 55enne di Swindon, nel sud-ovest dell'Inghilterra, era finito in manette per le stesse accuse ed era stato poi scagionato. Scotland Yard ha anche emesso otto avvisi a individui sparsi nel Regno Unito: se continuano col loro comportamento vessatorio nei confronti della Miller rischiano l'intervento della polizia.

SDA-ATS

 Tutte le notizie in breve