Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La prima ministra britannica Theresa May

KEYSTONE/AP/RUI VIEIRA

(sda-ats)

Il governo britannico dice no alle consulenze sulla Brexit da parte dei maggiori accademici stranieri che lavorano per le università del Regno Unito.

È quanto rivela il Guardian che pubblica alcuni estratti di una email ricevuta dalla prestigiosa London School of Economics.

Alcuni suoi studiosi specializzati in affari europei forniscono consulenze al Foreign Office sull'uscita dall'Ue ma ora non potranno più farlo, sottolinea il giornale online, in base alle nuove indicazioni del governo che così vuole privilegiare gli esperti britannici.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS